IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Funivie restituisce la convenzione ma apre a un ritorno: “Percorsi veloci per ammortizzatori e ripristino impianti”

A breve un altro incontro

Cairo Montenotte. “Un incontro finalmente costruttivo grazie alla regia del Mit”. Così è stato definito dall’amministratore delegato di Funivie SpA, Paolo Cervetti, l’incontro che si è tenuto oggi presso la sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, alla presenza di enti e organizzazioni sindacali.

Dopo il punto della situazione sulle urgenze (ammortizzatori sociali, opere di messa in sicurezza delle frane e stima dei lavori di ripristino ) si è ribadito, da parte di tutti i partecipanti il tema più ampio dell’importanza dell’unico sistema ambientalizzato di sbarco e inoltro di rinfuse in Italia.

L’azienda ha molto apprezzato l’approccio che, lasciando sullo sfondo le questioni meramente giuridiche, ha invece individuato temi fattuali – afferma l’ad – Come è noto Funivie ha dovuto, nel contesto creatosi a seguito dei noti eventi alluvionali e con una prospettiva di fermo impianti protratto nel tempo (e quindi in assenza di ricavi), risolvere formalmente l’attuale convenzione”.

A richiesta del Ministero, l’azienda ha ribadito che è disponibile ad assumere un ruolo funzionale che la coinvolga, in presenza di un progetto di messa in sicurezza economico e finanziario innanzitutto del personale, e, in generale, di sostenibilità a lungo termine del sistema, che, come tutto il trasporto pubblico locale (Tpl) non può prescindere da contribuzioni pubbliche.

In tale contesto il Ministero ha individuato (salvo verifiche tecniche) un percorso breve per gli ammortizzatori e il ripristino degli impianti, per entrambi i quali sembrano disponibili fondi già stanziati.

La direzione generale del Tpl ha suggerito una valutazione congiunta – prontamente accolta dai manager – per individuare strumenti tecnici, giuridici e finanziari che possano assicurare il futuro del servizio, quali che ne siano attori e modalità.

Un prossimo incontro è previsto a breve per definire la gestione dei prossimi mesi senza eccessive penalizzazioni e per strutturare un modello sostenibile con l’eventuale coinvolgimento di Regione Liguria e Autorità di sistema portuale del Mar Ligure occidentale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.