IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Carenza insegnanti al nido di Albenga, arriva una maestra da Borghetto. Ciangherotti: “Insufficiente”

“Una toppa che non basta a riportare a 60 il numero, autorizzato per legge, di bambini accuditi”

Albenga. Carenza di insegnati all’asilo nido comunale Roberto di Ferro di Albenga. Il Comune corre ai ripari, con l’arrivo di una mostra da Borghetto, ma il consigliere di minoranza di Forza Italia Eraldo Ciangherotti non ci sta e parte all’attacco.

“La montagna ha partorito un topolino, – ha esordito il consigliere di Fi. – Capita che, per riuscire a mettere una pezza in una situazione grave come quella dell’asilo comunale Roberto di Ferro, che nel giro di poche settimane scenderà a 5 per gestire 47 bambini, il Comune di Albenga ha assunto, con offerta di mobilità, un posto ad una educatrice di Borghetto Santo Spirito. Una toppa, appunto, che non è assolutamente sufficiente a riportare a 60 il numero, autorizzato per legge, di bambini accuditi. E infatti le liste di attesa sono lunghe”.

“Una toppa, appunto, che cerca di rimediare al dilettantismo, per non dire di peggio, di una amministrazione incapace di programmare in tempo utile le assunzioni in questo settore, nonostante non ci siano più i limiti della legge Del Rio”.

“Le famiglie di Albenga, viste le liste di attese che parlano di una ventina di bambini non accolti all’asilo, sono obbligate a scegliere il privato o i nonni. L’assessore Vespo ha dichiarato che la minoranza, se ha delle proposte, le faccia. Credo di avere titolo, visto che per 5 anni, da assessore, avevo portato a 12 le maestre e a 72 i posti, tra tempo pieno (60 posti) e part time (12 posti), l’asilo Roberto Di Ferro”.

“L’assessore dovrebbe per prima cosa assumere subito una e, meglio ancora, due maestre, in modo da riportare almeno a 60 i bambini che possono essere accolti. Parlare di scelte tecniche quando oggi i posti, tra tempo pieno e part time, sono 47 e 20 bambini in lista d’attesa, cara assessora Vespo, è una bugia. E’ una scelta politica, di cattiva politica”, ha concluso l’amministratore forzista.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.