IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bulldogs Toirano, un’altra grande soddisfazione: Calvi e Mandaliti al raduno della Nazionale

I due ragazzi si sono allenati a Bologna con i migliori giocatori italiani

Toirano. Qualche mese dopo la chiusura in bellezza della stagione 2018/2019 e dopo la premiazione di Stelle dello Sport a fine anno 2019 per i risultati ottenuti, le belle notizie in casa Bulldogs Asd Toirano/Pirates Savona non sono finite: i due atleti Stefano Calvi (riveste anche il ruolo di defensive coordinator) e Fabio Mandaliti hanno partecipato al raduno della Nazionale italiana, tenutosi a Bologna sabato 25 e domenica 26 gennaio.

Un’ulteriore buona notizia che va ad accrescere il già altissimo morale della squadra che, ricordiamo, ha raggiunto il podio nazionale in Seconda Divisione nel campionato senior di flag football e sta attualmente lavorando con l’obiettivo, per la stagione 2020, di fare faville anche nella ben più ostica Prima Divisione.

Abbiamo chiesto ad entrambi come sia andato questo raduno e di raccontarci alcuni momenti in cui hanno fatto bella figura e, per finire, cosa pensano di aver imparato da questa esperienza che possa essere utile per i campionati futuri. “Sono contento di aver avuto la possibilità di partecipare a un evento di questo livello” dichiara Mandaliti, che aggiunge: “A maggior ragione, mi sento orgoglioso di tutti i palloni difficili che ho ricevuto, del touchdown (sei punti) e delle due trasformazioni (un punto ciascuna) segnati contro difensori davvero mostruosi. Se c’è una cosa che posso dire di aver imparato è che per raggiungere certi livelli bisogna lavorare duro, e che ci sarà sempre chi è migliore. Cosa che, detta così, potrebbe sembrare la solita frase fatta: poi li vedi con i tuoi occhi e ti rendi conto di quanto sia vero“.

Calvi, invece, descrive così il suo raduno: “Una bella esperienza: il primo giorno direi di essere andato bene, sono riuscito a segnare in partita e ad evitare il deflag (lo strappo della bandierina, che corrisponde al placcaggio del football americano, ndr) due volte durante un esercizio. Sono abbastanza soddisfatto anche del secondo giorno, con qualche bella palla ricevuta, anche se stavo iniziando a patire la fatica. Erano presenti veterani della Nazionale importanti e pluridecorati, e confrontarmi con loro direttamente mi ha dato un bagaglio di insegnamenti immenso su cui lavorare. Durante questo fine settimana ho ricevuto parecchi aggiustamenti tecnici su come correre le ‘tracce’ in modo più efficace e su come liberarmi dal difensore. Bisogna lavorare molto, ma molto di più, il livello del flag italiano è molto più alto di quello che credessi“.

I Bulldogs, cogliendo questa felice occasione, invitano a partecipare agli allenamenti chiunque fosse interessato a provare il flag football: per informazioni è possibile contattare Stefano Cocco al numero 3474472365.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.