IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Biodigestore sulle aree Tirreno Power, Fersini: “Se il sindaco di Quiliano sa qualcosa lo dica”

Anche la minoranza preoccupata dopo il via libera al gestore unico dei rifiuti nel savonese

Quiliano. In relazione a quanto emerge dal dibattito politico di questi giorni sulla gestione integrata dei rifiuti e dalle esternazioni sui social e sui media del sindaco di Quiliano Nicola Isetta, il gruppo consiliare ‘Quiliano domani’, come espressamente palesato in campagna elettorale, conferma la propria contrarietà all’eventuale insediamento di un biodigestore sul sito industriale di Tirreno Power, perché non ritiene sia compatibile con l’ambiente, la salute e il benessere dei nostri cittadini”. E’ la presa di posizione dell’ex candidato sindaco Rodolfo Fersini e di tutto il gruppo consiliare Quiliano Domani.

“Pur consapevoli – scrivono – che l’area in questione è un’area industriale produttiva in ‘conservazione’ e che quindi senza le necessarie autorizzazioni comunali non possono essere avviati lavori in tal senso, che l’ipotesi pare di fatto superata dall’affidamento delle aree all’Università di Genova e alla società Vernazza per altre destinazioni d’uso, questo gruppo consiliare si ritiene estremamente preoccupato per il permanere, a seguito di delibera del consiglio della Provincia di Savona n. 43 del 2 agosto 2018, inserita nel Piano d’area omogenea per la gestione integrata dei rifiuti, della previsione che si possa usare il sito degli ex impianti di Tirreno Power per l’eventuale insediamento di un nuovo biodigestore”.

“Inoltre, le esternazioni del sindaco di questi giorni (“Contrari, agiremo nelle sedi competenti”, “L’ipotesi di un biodigestore nelle aree di Tirreno Power rappresenta una scelta insostenibile che non accettiamo in alcun modo”, leggi l’articolo), fanno pensare che sia imminente, o ancor peggio, che sia già stata presentata, la richiesta di autorizzazione da soggetti privati o pubblici per la costruzione di un biodigestore su quelle aree. Di tutto ciò noi di Quiliano Domani non abbiamo nessuna notizia”.

“Poiché questa situazione crea forte allarme nei quilianesi, e molti ci hanno chiesto chiarimenti in merito – spiega Fersini – abbiamo agito inviando in data 24.01.2020 una lettera al presidente della Provincia Pierangelo Olivieri, ai consiglieri provinciali e per conoscenza al presidente della Regione, nella quale esprimiamo tutta la nostra preoccupazione per la vicenda e chiediamo di intervenire sul Piano d’area omogenea per la gestione integrata dei rifiuti, cancellando la parte che prevede la possibilità che sul sito degli ex impianti di Tirreno Power si possa costruire un nuovo biodigestore. Da parte nostra riteniamo che, in seguito all’acquisto di IREN del biodigestore di Ferrania, la costruzione di un nuovo impianto sia, allo stato attuale delle cose, inadeguata e inopportuna e quindi pensiamo che il piano d’area sia da rivedere in toto, nella parte che riguarda il trattamento dell’umido”.

“Inoltre, mentre il sindaco di Quiliano Isetta esterna giustamente forte preoccupazione per la questione potenziale del biodigestore, non sembra essere altrettanto preoccupato del reale inquinamento in atto dovuto allo scarico diretto in mare della materia organica che, a causa di un guasto, dal settembre 2019, non passa dalla depurazione. L’allarme che è nato nei cittadini ci porta a chiedere al sindaco se ha notizie certe di soggetti pubblici o privati che vogliano costruire un biodigestore nelle aree ex Tirreno Power: se è così lo dica chiaramente” concludono da Quiliano Domani.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.