Bambino positivo al meningococco, il piccolo risponde alle cure. Altro bimbo di 11 anni ricoverato nella notte - IVG.it
Due

Bambino positivo al meningococco, il piccolo risponde alle cure. Altro bimbo di 11 anni ricoverato nella notte

"Al momento non sono ancora disponibili gli esiti delle due tipizzazioni dei rispettivi ceppi batterici"

ospedale gaslini

Genova. La direzione sanitaria del Gaslini informa che “il bambino genovese di 5 anni ricoverato ieri in terapia intensiva per meningite meningococcica sta rispondendo molto bene alle cure: verrà trasferito nel reparto di pediatria d’urgenza nel pomeriggio per proseguire la terapia”.

Inoltre “nella notte tra domenica e lunedì è stato ricoverato in condizioni critiche in terapia intensiva un’altro caso di meningoencefalite da meningococco. Si tratta di un bambino di 11 anni, residente a Genova (in un quartiere diverso dal piccolo di 5 anni). La prognosi è al momento riservata”.

“Al momento non sono ancora disponibili gli esiti delle due tipizzazioni dei rispettivi ceppi batterici” perciò seguiranno ulteriori aggiornamenti in merito alle condizioni cliniche dei due piccoli pazienti.

“E’ stata immediatamente allertata la Asl genovese, abbiamo fatto la profilassi ai famigliari stretti, c’è un tempo di circa 48 ore per effettuare la profilassi in sicurezza per tutti i soggetti che siano venuti a stretto contatto con il paziente. Ricordiamo che le vaccinazioni contro il meningocco (A, B, C, W135 e Y), fatte secondo i calendari vaccinali ufficiali rappresentano il sistema migliore di prevenzione di questa infezione, che può portare anche a grave disabilità e decesso” spiega il dottor Elio Castagnola, direttore dell’Uoc malattie infettive dell’istituto “Giannina Gaslini”.

leggi anche
  • Cure
    Meningococco, ancora critiche le condizioni del bambino di 11 anni ricoverato al Gaslini
    Meningococco
  • Chiarimenti
    Meningococco, non è dello stesso ceppo l’infezione dei bambini ricoverati al Gaslini 
    Meningococco

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.