IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Area di crisi complessa, Pd Valbormida: “A rischio i 15 mln sbloccati dal Governo per ricollocare i lavoratori”

"Il Governo ha garantito le risorse, ma Provincia e Regione devono attivarsi come richiesto dai sindacati"

Val Bormida. Il coordinamento dei circoli Pd Valbormida interviene sulla questione dei fondi per il ricollocamento dei lavoratori disoccupati.

“Nell’ambito dell’area di crisi complessa del Savonese ci sono più di 15 milioni di euro sbloccati dal governo destinati al ricollocamento di lavoratori disoccupati. In Val Bormida pesano i numeri di Cairo Montenotte, 700 disoccupati e di Carcare 250 disoccupati, oltre ad un numero considerevole di non occupati negli altri Comuni del territorio” afferma Simone Ziglioli, portavoce di tutti i circoli Pd della Val Bormida.

“Se non saranno attivati i percorsi di ricollocamento queste risorse andranno perse”.

“Questo sarebbe inaccettabile. Anche noi come già chiesto dai sindacati, alla Provincia e alla Regione, assente su questo tema, come su quello della formazione dei lavoratori su cui il governo ha messo a disposizione cospicui finanziamenti, chiediamo un cambio di rotta”.

“Crediamo che occorra un informativa che permetta ai Comuni di attivarsi a riguardo. Inoltre, occore potenziare gli strumenti per l’inserimento lavorativo” conclude.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.