Arte locale

Albissola Marina, al via la mostra “Madonna di Misericordia”: tra i partecipanti sei ceramisti delle Albisoleevento

La mostra aprirà il 17 Gennaio e si concluderà il primo Marzo

madonna misericordia albissola

Albissola Marina. Prenderà il via il 17 Gennaio la mostra “Madonna di Misericordia” ad Albissola Marina, con la partecipazione dei due collezionisti Renato Giusto e Giorgio Lombardi e quella di sei ceramisti delle Albisole, vale a dire Ceramiche San Giorgio, La Nuova Fenice, Ceramiche Viglietti, Studio Ernan Design, Ceramiche Gaggero e Ceramiche Guarino.

Spiegano gli organizzatori della mostra, che si concluderà l’1 Marzo 2020: “‘Miseri cor dare’ significa ‘dare il cuore ai miseri’. Possiamo dire che all’origine della sensibilità verso il prossimo più sfortunato ci sia il culto antico, risalente al medioevo, della Madonna di Misericordia. Dietro il nome misericordia è attivissimo un universo fatto di volontariato. L’icona della Madonna venerata sotto questo titolo presenta la Vergine che accoglie, sotto il suo ampio mantello, i fedeli ed in particolare i Confratelli e le Consorelle, che chiedono la Sua protezione”.

“Nell’anno 1242, sotto tale denominazione si riunirono -secondo la leggenda- i primi benestanti romani. Ad imitazione degli Apostoli l’unione era originariamente composta di 12 persone. Decisero di organizzarsi in sodalizio per accogliere i pellegrini, viandanti e migranti che transitavano per Roma medievale non essendoci per costoro nessun tipo di assistenza dedicata”.

La mostra ha il patrocinio dei comuni di Albissola Marina e Albisola Superiore, ed è curata da Enrica Noceto. Il 31 gennaio e il 13 marzo nei locali della Fornace Alba Docilia sono previste due serate dedicate alla Madonna di Misericordia.

leggi anche
Salvatore Stella mago e showman
Svaghiamoci!
Concerti, teatro per famiglie, mostre d’arte, feste della tradizione: un lieto fine settimana di eventi in provincia

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.