IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, si chiude la querelle tra Comune e Asl 2 per l’ospedale: all’azienda sanitaria la proprietà dei terreni

Il sindaco Riccardo Tomatis: "Si è sanata una situazione rimasta irrisolta per troppo tempo"

Albenga. L’amministrazione comunale assicura, per sempre, l’ospedale (pubblico o gestito in regime di convenzione) ad Albenga.

Sarà approvato, infatti, durante il prossimo Consiglio comunale, l’accordo con il quale il Comune si impegna a cedere il diritto di proprietà delle aree sulle quali sorge l’ospedale Santa Maria di Misericordia all’Asl 2 che, di contro, manterrà la destinazione ospedaliera pubblica, anche, eventualmente, in regime di convenzione. L’accordo che passerà in Consiglio comunale è frutto di una lunga fase di mediazione tra i due enti impegnati a trovare una soluzione alla vicenda.

Nel 2003 il Comune stipulò un atto di conferimento del diritto di superficie all’Asl per la realizzazione del nuovo ospedale. In quell’atto l’azienda sanitaria si impegnava al pagamento per 20 anni di un canone. A seguito di alcuni ritardi nel pagamento del suddetto canone e dopo diversi solleciti, nel 2016 il Comune di Albenga ha intrapreso un’azione giudiziaria nei confronti dell’Asl. Quest’ultima si è opposta al procedimento chiedendo, addirittura, di annullare il titolo che conseguiva all’atto del 2003 per vizi di forma e di sostanza. Da qui è partita la lunga fase interlocutoria tra i due enti che si è conclusa con l’accordo – che eviterà ulteriori azioni giudiziarie – per il quale il Comune si impegna a cedere il diritto di proprietà del terreno sul quale oggi sorge l’ospedale a fronte del pagamento di tutte le quote ancora dovute a seguito dell’accordo del 2003, in un’unica soluzione.

In questo modo il Comune non rischierà di perdere alcuna entrata, già peraltro inserita a bilancio e garantirà inoltre il mantenimento della destinazione ospedaliera dell’area.

Soddisfatto il sindaco Riccardo Tomatis, che afferma: “Vorrei ringraziare l’Asl per la collaborazione dimostrata durante questo lungo e difficile percorso che ha portato a un accordo con il quale si è andata a sanare una situazione rimasta irrisolta per troppo tempo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.