IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, Costa Smeralda preoccupa il comitato Italia Nostra: “Rischi evidenti per i cittadini” foto

L'ingegnere Fabri: "Il GNL è estremamente infiammabile, più pericoloso del GPL"

Savona. Si è tenuto questa sera alla libreria Ubik un incontro organizzato dal comitato Italia Nostra dal titolo “Benvenuta Costa Smeralda… Ma la sicurezza?“, in cui si è parlato dei timori in merito all’arrivo della nuova nave del marchio Costa, il cui battesimo sarà celebrato a Savona il 21 dicembre.

I dati offerti dall’ingegnere Antonella Fabri hanno preoccupato e non poco il pubblico presente, che, dopo aver seguito nel dettaglio le riflessioni maturare da Fabri in merito alla pericolosità del combustibile GNL (gas naturale liquefatto), cui è alimentata l’ecologica Costa Smeralda, hanno esternato il proprio disappunto al rappresentante dell’Autorità Portuale Giuseppe Di Luca.

L’ingegnere Fabri, durante la conferenza, ha sottolineato i rischi per la sicurezza dei cittadini: “Questo gas è estremamente volatile e infiammabile, più pericoloso del GPL, tanto da essere soggetto alla normativa nota come Direttiva Seveso (rischio di incidente rilevante) che dà indicazioni per i depositi a terra ma nulla dice sui serbatoi per le navi (che hanno un contenuto di gas in quantità confrontabile con quella dei depositi a terra, il quantitativo di 4 strutture della nostra Torretta)”.

Giuseppe Di Luca dell’Autorità Portuale di Savona e Genova ha cercato di dare alcune rassicurazioni: “E’ già in uso questo tipo di combustibile alternativo, in particolare nel Mar Baltico, e la tendenza è quella di utilizzarlo anche nel porto di Savona nel 2020. Il GNL, a differenza del GPL, è meno pericoloso, è un gas che evapora, e soprattutto non emette nell’aria Nox e Sox, molto inquinanti”.

“Il rischio è basso anche in caso di incidente, perchè i serbatoi della nave a GNL sono rivestiti da involucri resistenti” afferma Di Luca, a fronte della paura portata in esame riguardante possibili incidenti che potrebbero verificarsi nel porto di Savona come in altri che ospiteranno presto la Costa Smeralda con i suoi croceristi. I dati riguardanti i pericoli del gas liquefatto sono: incendio, esplosione, rilascio sottomarino di combustibile, asfissia per persone a bordo e perdita della stabilità della nave.

Tra le maggiori cause indagate dai vigili del fuoco, secondo quanto riferito da Italia Nostra si ritroverebbero “fuga di gas, dovute a rottura/perdita di valvole, flange, accidentale o da imperizia degli operatori a bordo; un incidente con rottura di tubazioni o degli stessi serbatoi (non dimentichiamo l’incidente della Jolly Nero nel porto di Genova, che provocò il crollo della Torre Piloti, l’episodio della Costa Concordia ci avverte che anche le navi sbagliano manovra); un attentato, provocato da un terrorista salito a bordo, o addirittura di un membro della nave”.

Una discussione, quella tenutasi oggi alle 18, in alcuni momenti dai toni accesi, con alcuni partecipanti che hanno messo in dubbio la scelta di accogliere la Costa Smeralda, in particolare a fronte dell’imminente vicinanza con le abitazioni e di un distributore di benzina.

——

Di seguito la rettifica inviataci dall’ing. Fabri:

In relazione all’articolo, nel quale si sostiene che avrei affermato “che i rischi per la salute di Cittadini e turisti ci sono”, sono a richiedere, ai termini di legge, rettifica dell’articolo stesso.

Non ho parlato di rischi “per la salute”, in quanto i rischi sono, semmai, per la sicurezza. Non ho parlato di rischi “per i turisti”, in quanto, come in più occasioni ribadito, le preoccupazioni di Italia Nostra e del Comitato Savona Porto Elettrico vertono ESCLUSIVAMENTE sulla sicurezza di Cittadini ed infrastrutture.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.