Pietra, lavori anche sul rio Ranzi: polemica in Consiglio comunale sul Maremola - IVG.it
Botta e risposta

Pietra, lavori anche sul rio Ranzi: polemica in Consiglio comunale sul Maremola

Stanziati 140 mila euro per somma urgenza, il sindaco De Vincenzi: "Sul Maremola intervento strutturale, aspettiamo i fondi dalla Regione"

Pietra Ligure. Dopo l’emergenza maltempo sono scattati i lavori in somma urgenza sul rio Ranzi a Pietra Ligure, anche per la situazione di pericolo che si può creare con il limitrofo ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.

“Un intervento di messa in sicurezza necessario, l’intervento è già partito e stiamo provvedendo con le opere di abbassamento del letto del corso d’acqua: si sta provvedendo alla rimozione di terra, detriti e altro materiale per riportare il rio pietrese al livello originario” afferma il sindaco Luigi De Vincenzi.

I lavori stanziati dall’amministrazione comunale per il rio Ranzi ammontano a 140 mila euro: in questo modo, anche in caso di forti piogge o piene, il torrente non dovrebbe dare più porblemi o sollevare criticità.

Secondo quanto riferito i lavori termineranno nei prossimi giorni.

Ma a tenere banco, in particolare nel corso del Consiglio comunale di questa mattina, è stato l’altro torrente di Pietra Ligure, il Maremola, il quale nel corso dell’ultima allerta rossa è tornato a livelli di guardia, mettendo paura e apprensione per una possibile esondazione dalle gravi conseguenze. A scatenare la bagarre nel corso della seduta del parlamentino pietrese è stato il consigliere di minoranza Mario Carrara, che ha presentato una mozione per chiedere interventi urgenti e prioritari anche rispetto ad altre opere pubbliche varate dalla giunta e dalla maggioranza.

“I 490 mila euro stanziati per la passeggiata andrebbero dirottati per il nostro torrente…” riporta la mozione consiliare. “Tra le prime opere di realizzarsi individuiamo l’innalzamento consistente degli argini, in primis nella parte del torrente tra il ponte vecchio e la foce; quindi, nel tratti laddove gli argini non arrivano neanche più al metro d’altezza ed alla confluenza dei torrenti Scarincio e Maremola. Per far ciò, si devono impiegare risorse finanziarie disponibili o anche già destinate ad altri interventi che, tuttavia, non rivestano una tale rilevanza di urgenza per sicurezza e protezione civile”.

La mozione è stata respinta e non si è fatta attendere la risposta del primo cittadino Luigi De Vincenzi: “Stiamo facendo quello che c’è da fare, intanto abbiamo agito con una pulizia preventiva prima della stagione autunnale e delle piogge, in secondo luogo è opportuno sottolineare come per un intervento strutturale servono risorse significative e cifre importanti: bisogna risagomare il Maremola e svolgere lavori di messa in sicurezza nell’alveo con altre opere di consolidamento. Per questo attendiamo risposte dalla Regione Ligure, in particolare sui fondi del Dipartimento di Protezione Civile messi a disposizione per i danni del maltempo”.

“Una volta che avremo i soldi necessari sarà nostra priorità intervenire sul Maremola” conclude il sindaco pietrese.

leggi anche
Allerta rossa 20 dicembre
Situazione
Allerta rossa, si alzano i livelli dei fiumi: esondato il San Rocco a Ceriale, Maremola e Arroscia a livelli di guardia
Maremola Pietra allerta rossa
Mozione
Pietra Ligure, minoranza: “Messa in sicurezza del Maremola opera prioritaria rispetto al restyling della passeggiata”
Maremola Pietra allerta rossa
Paura
Pietra Ligure trema: la piena del Maremola è impressionante
torrente maremola
Messa in sicurezza
Pulizia del torrente Maremola: i Comuni di Tovo e Pietra uniti per la messa in sicurezza
pulizia maremola
Azione!
Pietra Ligure, al via la pulizia del torrente Maremola: prevenzione da rischi alluvionali e salvaguardia del territorio
Sottopasso allagato Rio Ranzi Pietra Ligure
Work in progress
Pietra Ligure, sottopasso rio Ranzi: ripristino con l’intervento di messa in sicurezza della passeggiata

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.