IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Movimenti neofascisti nelle carte della Questura di Savona (1945 – 1983)”, la recensione di Antonio Martino foto

"ll recente versamento di documenti della Questura di Savona all’Archivio di Stato ci ha dato la possibilità di scrivere una parte della storia politica"

Savona. La presenza di neofascisti a Savona nell’immediato dopoguerra venne segnalata dalla questura nel gennaio 1946, solo 8 mesi dalla fine della seconda guerra mondiale, con la scoperta e la neutralizzazione del Gruppo Autonomo Barracu delle SAM, le Squadre Azione Mussolini. Nel novembre dello stesso anno si costituì il Partito Nazionale Italiano (PNI), un precursore del MSI, con pochissimi aderenti e “Commissario” venne nominato lo studente universitario Ferruccio Lentini, già attivo nel “Fronte dell’Uomo Qualunque” con Federico Mistretta. I due neofascisti diedero origine nel giugno 1947 alla prima sezione savonese del MSI.

Nella città di Savona, caposaldo della classe operaia, il MSI e le sue organizzazioni collaterali, ebbero sempre poco seguito grazie al Partito Comunista Italiano (PCI) che ha svolto per lungo tempo e molto più che in altre parti d’Italia, una funzione egemonica sulla politica locale. Una egemonia incontrastata sul piano politico, storico e culturale. In provincia il MSI ebbe maggior successo, seppure molto limitato, in centri della riviera turisticamente rilevanti, quali Alassio, Finale Ligure, Varazze.

Il recente versamento di documenti della Questura di Savona all’Archivio di Stato, ci ha dato la possibilità di scrivere una parte della storia politica di Savona assolutamente inedita.

La vigilanza preventiva della Questura per comizi, commemorazioni, iniziative culturali. Fu efficace in particolare nel caso del comizio preelettorale dell’on. Almirante nel 1958, quando 300 attivisti del MSI, giunti da tutta la provincia, si contrapponevano 2.000 ex partigiani e portuali, attivisti del PCI savonese. Dovette intervenire la Celere per impedire che il palco venisse assaltato. Le organizzazioni collaterali: Associazione Studentesca d’Azione Nazionale (A.S.A.N.) “Giovane Italia”, Gruppi giovanili del MSI “Camicie verdi”,  Fronte Universitario di Azione Nazionale (F.U.A.N.) furono sempre discretamente controllate, ma la loro scarsità di uomini e mezzi era tale da preoccupare marginalmente i commissari della squadra politica.

Altre formazioni di estrema destra. Per lo più nostalgici del fascismo e della repubblica sociale, come i pochissimi iscritti alla Associazione Nazionale d’Arma Milizia (ANAM), oppure l’Associazione Italiana Amici della Spagna (A.I.A.S.) nel 1966, in epoca franchista. Particolare interesse è l’Associazione “Giovane Nazione” presente tra il 1963 e il 1964, nella quale troviamo uno studente di Albenga, un certo Renato Curcio. Il fondatore delle Brigate Rosse, che prima di andare all’Università di Trento era referente dell’associazione filo nazista “Giovane Europa”. Sempre in ambito eversivo troviamo le indagini svolte per il “Centro Studi Ordine Nuovo” (1962 – 1966) e “La Rosa dei Venti” (1971 – 1975).

Biografia dell’autore

Antonio Martino nasce a Savona nel 1957. Ha sempre lavorato presso un’azienda sistemistica per la Difesa. Da sempre genealogista, negli ultimi dieci anni si è occupato di storia locale per il periodo compreso tra la seconda metà del ‘700 ed il secondo dopoguerra, svolgendo le sue ricerche negli archivi statali, comunali ed ecclesiastici, in Italia e nel Regno Unito. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Antonio Martino

    Indice
    Introduzione 5
    Risultati elettorali del MSI a Savona (1948-1980) 7
    Premessa 8
    Cap. 1 – L’attività neofascista e monarchica in Liguria nei rapporti dell’intelligence alleata (1945-1946) 9
    Le fonti 9
    Attività sovversiva nell’Italia liberata 10
    Punti di vista reazionari 16
    Attività dei neofascisti 25
    Le Squadre Azione Mussolini (SAM) a Savona (1946) 36
    Cap. 2 – Movimento Sociale Italiano (1946-1980) 55
    I primi esordi (1946 – 1947) 55
    La vigilanza preventiva sull’attività del MSI (1953 – 1966) 56
    Befana fascista 1957 61
    Il comizio elettorale dell’on. Almirante (1958) 63
    Danneggiamento della bacheca del MSI di Vado Ligure (1960) 83
    Il VI° Congresso nazionale del MSI a Genova (1960) 87
    L’assassinio di Lumumba e il comizio del MSI a Genova (1961) 105
    Manifesti abusivi e oscurati (1961-1965) 110
    La superbomba sovietica di Sacharov (1961) 113
    Il furto dello striscione elettorale a Millesimo (1963) 123
    Il comizio dell’on. Romualdi a Savona (1964) 135
    La manifestazione contro l’on. Romualdi in visita a Savona (1964) 151
    Romano Fassio denuncia il sindaco Carossino (1964) 161
    Atti vandalici alla bacheca del MSI-DN (1975) 172
    Danneggiamento ai manifesti del MSI-DN (1980) 172
    Associazione Nazionale Studenti Medi “Giovane Italia” (1954) 174
    Associazione Studentesca d’Azione Nazionale (A.S.A.N.) “Giovane Italia” (1959-1971) 175
    Giovane Italia o Gioventù Italiana?(1959) 183
    Il Convegno Interregionale dirigenti A.S.A.N. a Milano (1959) 187
    Pubblico dibattito alla “Campanassa” (1960) 194
    Il raduno interregionale di Modena (1961) 203
    Gruppi giovanili del MSI “Camicie verdi” (1964-1965) 229
    Gruppo Femminile del MSI “Fiamma” (1964) 237
    Fronte Universitario di Azione Nazionale (F.U.A.N.) (1969) 238
    Democrazia Nazionale – Costituente di destra (1979) 238
    Cap. 3 – Formazioni di estrema destra 239
    Armata Italiana di Liberazione (1947-1948) 239
    Federazione nazionale combattenti repubblicani (RSI)(1948-1950) 247
    Associazione Nazionale Arditi d’Italia (A.N.A.I.) (1953-1970) 248
    Fronte Anticomunista Italiano (FAI)(1954-1955) 255
    Movimento Antibolscevico Italiano (MAI) (1954) 258
    Unione Nazionale Epurati (UNE) (1955) 259
    Partito Nazionale del Lavoro (PNL)(1958) 262
    Associazione Nazionale d’Arma Milizia (ANAM) (1959-1964) 263
    Il 37° anniversario della costituzione della MVSN (1960) 265
    Organizzazione Segreta Anticomunista (OSA) (1961) 284
    Formazioni nazionali giovanili (1962) 286
    Centro Studi Ordine Nuovo (1962 – 1966) 287
    Associazione “Giovane Nazione” (1963-1964) 293
    Associazione Italiana Amici della Spagna (A.I.A.S.) (1966-1968) 309
    Unione Nazionale Anticomunista “Pace e Libertà” (1966) 319
    G.E.R.S.I. – La Rosa dei Venti (1971-1975) 321
    Crociate Nere (1975) 328
    Avanguardia Nazionale (1983) 328
    Cap. 3 – Qualunquisti 335
    Fronte liberal-democratico dell’Uomo Qualunque (1945-1949) 338
    Partito Qualunquista italiano (1948) 346
    Cap. 4 – Fascicoli personali 347
    Barbieri Giorgio 348
    Biglino Aldo 376
    Bogazzi Franco 378
    Cosentino Orazio 382
    Fassio Romano 383
    Gulli Francesco 400
    Mormile di Campochiaro Ciro 402
    Rolandino Giuseppe 410
    Schianchi Sergio 413
    Tavernese Riccardo 414
    Valente Andreina 415
    Abbreviazioni 421
    Indice dei nomi 423
    Indice delle figure 432
    Indice 433

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.