IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Milleproroghe, Rixi: “Governo sblocchi 80 milioni di euro per l’autotrasporto”

La presa di posizione del deputato della Lega

Liguria. “Il Milleproroghe presentato dal governo giallorosso è una presa in giro per Genova e la Liguria. Senza lo sblocco delle risorse, già indicate nel Dl Genova, per la digitalizzazione degli scali dell’Autorità di sistema portuale del mar ligure occidentale, infatti, non sono erogabili gli 80 milioni di euro, già previsti proprio dalla legge per Genova, per l’autotrasporto, gravemente penalizzato per il crollo del viadotto Morandi e oggi costretto a subire ulteriori danni a seguito del crollo del viadotto sulla A6 e delle restrizioni al traffico sulla A7 e A26”.

Lo dichiara il deputato della Lega e responsabile nazionale Infrastrutture Edoardo Rixi.

“Siamo al collasso sia nei flussi da e per il porto di Genova, con ripercussioni pesanti anche sul traffico urbano. Se il governo giallorosso disattenderà i contenuti del Dl Genova, si prospetta il rischio di un fermo dell’autotrasporto in Liguria con conseguenze devastanti sui traffici portuali e non solo. Ma non è tutto: uno schiaffo a Genova e ai liguri potrebbe arrivare dalla riduzione, indicata nel Milleproroghe, di 2 milioni di euro di possibilità di spesa per le misure a supporto della ricostruzione del nuovo Ponte”.

“In sostanza, sarebbero scippate risorse del Dl Genova, mettendo in pesante difficoltà l’attività del commissario alla ricostruzione del nuovo ponte. La Lega darà battaglia perché non vengano sottratte risorse alla Liguria, a Genova, nel rispetto degli impegni presi con decreto Genova: spero che anche le altre forze politiche si uniscano, se non vogliono diventare complici del blocco del primo sistema portuale del Paese”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.