IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Lavoratori “Sanguglielmo/Secureway” senza stipendio, Uil: “A rischio attività di ripristino su autostrade”

Sono i lavoratori che, in caso di incidenti o calamità naturali, si occupano della segnaletica anche sui tronchi A10 e A6

Provincia. Sono 180 i dipendenti della Cooperativa Sanguglielmo, passati a Secureway, rimasti senza stipendio ormai da settembre 2019. Si tratta dei lavoratori che, in caso di incidenti stradali o di ripristino conseguente a calamità naturali, come avvenuto di recente, si occupano di ripristino e segnaletica stradale sulle seguenti tratte: A6 – A7 – A12 – A10 – A26 –A4 – A21.

“Autostrade per l’Italia Spa, Satap Spa, Pavimental e Itinera da diverso tempo sono a conoscenza delle criticità della Cooperativa Sanguglielmo, – spiega Giovanni Ciaccio, coordinatore regionale logistica Uil trasporti Liguria. –  Nonostante ciò queste aziende  non hanno ancora intrapreso azioni concrete a tutela dei lavoratori”.

“La Cooperativa Sanguglielmo nel mese di novembre 2019  ha trasferito i 180 lavoratori alla Secureway senza accordo sindacale e disattendendo tutte le richieste avanzate dal sindacato. Da quel momento la  situazione già disastrosa  è diventata una vera e propria odissea. I lavoratori, ai quali non è stata data nessuna spiegazione, non sono più stati pagati. Inoltre gli addetti coinvolti non hanno più la possibilità di recarsi ai rispettivi cantieri e tutte le attività rischiano di fermarsi”.

Da mesi la Uil Trasporti Liguria ha segnalato a tutti i committenti “la situazione vergognosa che stanno vivendo i lavoratori della Cooperativa Sangugliemo che sono vessati e minacciati di essere lasciati a casa. Eppure nessuna di queste società si è  preoccupata  delle retribuzioni dei lavoratori, i quali non hanno più soldi per mangiare e mantenere le proprie famiglie. Chiediamo alle istituzioni un urgente intervento e ai  committenti di attivarsi per un immediato pagamento in surroga delle retribuzioni: la situazione si deve risolvere  per tutelare lavoratori e utenza”, conclude Ciaccio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.