IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I sindacati al ministro Bellanova: “Piano Marshall per infrastrutture, messa in sicurezza del territorio e crisi industriali” fotogallery video

"Sì dal ministro al tavolo straordinario per la Liguria e Savona"

Savona. “La premessa per il nostro territorio è ripartire. Ripartire dalla soluzione delle tante, troppe crisi industriali ancora irrisolte e dare finalmente una prospettiva a migliaia di lavoratrici e lavoratori. In questi giorni sono presenti oltre 50 cantieri in provincia di Savona causati dagli eventi metereologici del 23 e 24 novembre che hanno causato decine di frane e smottamenti con il crollo del viadotto dell’autostrada A6 e la chiusura di tutte le più importanti vie di comunicazione da e per l’entroterra Savonese – polmone industriale della nostra Provincia -“.

“È necessario un intervento strutturale per la messa in sicurezza del territorio, la manutenzione delle infrastrutture danneggiate e la costruzione di quelle nuove fondamentali per il territorio: potenziamento della rete ferroviaria per la tratta SV-TO e SV-AL, la messa in sicurezza dell’autostrada A6 SV-TO e del Colle di Cadibona, oltre che procedere con le opere terrestri da e per la piattaforma di Vado Ligure”.

Queste le richieste formalizzate oggi dai sindacati savonesi di Cgil, Cisl e Uil al ministro Teresa Bellanova nel corso del vertice in Prefettura sui danni per il maltempo e la situazione emergenziale nel savonese.

“I fatti meteorologici del 23 e 24 novembre devono essere trasformati in opportunità per l’intero territorio. La Liguria non è soltanto Genova. Savona è stata “colpita” doppiamente, prima con l’isolamento con tutto il paese causato dal crollo del Ponte Morandi ed oggi con l’isolamento dell’entroterra alla costa. Inoltre è necessario che al più presto il Governo riconosca l’esigenza di un “piano Marshall”, vista la fragilità del nostro territorio, in cui finanziare la messa in sicurezza delle aree interne, le infrastrutture e il potenziamento del comparto dell’agricoltura, comparto che conta nel savonese circa 3.000 occupati (il 43% degli occupati dell’agricoltura in Liguria sono in provincia di Savona)”.

“Il Ministro si è reso molto disponibile ad ascoltare i problemi del territorio e si è impegnato a portare al presidente del Consiglio e ai ministeri interessati i temi trattati dalle infrastrutture alla difesa del territorio. Inoltre ha sottolineato l’importante lavoro fatto in questo territorio per la buona gestione dell’area di crisi complessa e la necessità di costituire immediatamente un tavolo straordinario a livello nazionale in cui affrontare le criticità della Liguria e di Savona”.

“Senza una vera e propria presa d’atto e di coscienza del problema della nostra provincia da parte del Governo il nostro territorio è destinato ad un rapido declino economico e sociale, senza ritorno” concludono i sindacati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.