IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Regione, De Ferrari (M5S) sull’ambiente: “Manca doverosa attenzione all’emergenza climatica in atto”

"Proteggere il prezioso capitale ambientale significa tutelare l'ambiente e la nostra salute", spiega De Ferrari

Regione. “Un Bilancio di previsione 2020-2022 che ignora la questione ambientale e l’emergenza climatica in atto è un bilancio miope che non vede, non sente e non parla delle reali criticità ambientali della nostra regione”, spiega il consigliere regionale di Movimento 5 Stelle Liguria Marco De Ferrari, nella relazione di minoranza presentata nell’odierna seduta consiliare.

Il 2020 viene definito da De Ferrari come l’anno zero. Continua il consigliere: “Il 2020 deve rappresentare ‘l’anno zero’ del decennio che ci porta a raggiungere tutti i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile previsti nell’Agenda 2030 degli accordi di Parigi. E il ruolo pilota deve assumerlo la regione con gli enti locali, pianificando puntuali investimenti, anche attraverso strategie e piani di azione condivisi a tutela del nostro preziosissimo Capitale Naturale, fucina di biodiversità, da tutelare in chiave etica e sostenibile, come diritto universale e principale fattore di resilienza del territorio”.

E ancora: “Dobbiamo ridurre drasticamente le emissioni dei gas serra climalteranti provenienti da tutti i settori industriali e agroalimentari di produzione e consumo; promuovere l’economia circolare e i rifiuti zero; avviare bonifiche; aumentare la vigilanza sul territorio a contrasto degli ecoreati; rafforzare le strategie di efficienza energetica; incentivare la mobilità sostenibile a emissioni zero sia pubblica e sia privata; favorire il risparmio della risorsa idrica e l’efficientamento della sua produzione; puntare sulle fonti di energia rinnovabile; valorizzare le risorse forestali nel mercato dei crediti di carbonio e nei servizi ecosistemici; incentivare la ricerca e lo sviluppo tecnologico; promuovere azioni di sensibilizzazione dei cittadini sui cambiamenti climatici in atto”.

In conclusione, il consigliere invita ad investire di più sulla messa in sicurezza del territorio: “Non ultimo, dobbiamo investire pesantemente risorse sulla prima e più grande opera di cui la Liguria ha urgente bisogno: la messa in sicurezza del territorio, nell’ottica di una concreta prevenzione civile da affiancare alla sempre indispensabile protezione civile. Non esiste un Pianeta B. Abbiamo un solo pianeta e lo dobbiamo preservare per noi e per le generazioni future. Altrimenti, se non cambiamo, sarà il pianeta a cambiare noi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.