IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Costa Smeralda, ordinanza della Capitaneria per le navi alimentate a GNL

A seguito del tavolo tecnico, alcuni specifici obblighi per queste tipologie di navi

Savona. In vista del prossimo approdo presso il porto cittadino della nave da crociera “Costa Smeralda”, di bandiera italiana e prima nave alimentata a gas naturale liquefatto che toccherà lo scalo cittadino, la Capitaneria di Porto di Savona ha ritenuto necessario avviare un apposito tavolo tecnico, convocato in più sessioni tra ottobre e novembre, con la partecipazione e collaborazione di rappresentanti del Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Savona, dell’ADSP Mar Ligure Occidentale – Ufficio Territoriale di Savona, dei Servizi tecnico-nautici del porto di Savona, del consulente Chimico del porto, della S.p.A. RINA Service e di Costa Crociere, per valutare e approfondire gli aspetti sulla sicurezza legati allo stazionamento di questa tipologia di navi nel porto commerciale e nella rada di Savona-Vado Ligure.

Durante i lavori, è emersa l’opportunità di disciplinare lo stazionamento di questa tipologia di navi agli ormeggi e in rada del porto di Savona, ponendo particolare attenzione alle prescrizioni a cui dovranno far riferimento le navi alimentate a GNL.

Al termine della riunione, il Comando della Capitaneria di Porto ha emanato l’ordinanza n. 275/2019, che entrerà in vigore dal 16 dicembre 2019, che introduce alcuni specifici obblighi in capo a questa peculiare tipologia di navi.

In un futuro ormai prossimo, quindi, potrà essere accordato lo stazionamento di unità similari, che rispettino le prescrizioni dell’Ordinanza.

Inoltre, in sede di Commissione accosti”, organo collegiale operativo presso il Comando della Capitaneria di Savona, composto dai rappresentanti dei servizi tecnico nautici del porto di Savona per la predisposizione della disciplina generale degli accosti e dell’impiego dei servizi tecnico nautici, valuterà preventivamene ogni singolo accosto delle navi a GNL nel più ampio contesto generale dell’operatività del porto, al fine di valutare la necessità di imporre eventuali prescrizioni operative aggiuntive finalizzate a garantire la sicurezza delle manovre cinematiche in ambito portuale.

La Capitaneria di Porto assicura che tutte le navi che toccano il porto cittadino sono sottoposte alla verifica della regolarità delle certificazioni di sicurezza della navigazione previste dalle normative internazionali di settore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.