IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Autostrade e ferrovie in tilt: consiglio comunale straordinario sul tema ad Alassio

Galtieri e Parodi: "Vanificati gli sforzi di una collettività. Vergognosi stato e gestione delle infrastrutture"

Alassio. Autostrade e ferrovie in tilt: un ordine del giorno, con relativa convocazione di consiglio comunale straordinario, per difendere il territorio.

L’idea parte da Alassio, dal vicesindaco Angelo Galtieri e dal presidente del consiglio comunale Massimo Parodi, che hanno spiegato: “Vergognoso lo stato e la gestione delle infrastrutture di collegamento con la Riviera Ligure di Ponente. Anche oggi le cronache di viaggio dalla A10, dalla A 26 e dalla A6, da tutte quelle direttive autostradali che dovrebbero ricondurre al ponente ligure, somigliano più a cronache di guerra, di carovane infinite che impiegano ore per percorrere una manciata di chilometri”.

“Cinque, sei, anche otto ore per arrivare da Milano ad Alassio, poco più di 200km. Neanche si procedesse a dorso di mulo lungo le antiche mulattiere. A peggiorare la situazione, incredibile ma vero, anche i lavori in corso delle Ferrovie dello Stato: il tutto su un territorio già messo a dura prova dal crollo del ponte Morandi, dal crollo del viadotto della A6, dalle mareggiate”.

“Mancherebbero solo le cavallette, – ha ironizzato amaramente Galtieri. – Ho visto la città di Alassio lottare per prepararsi alle Festività Natalizie per accogliere al meglio i turisti. Il giorno dopo l’ultima mareggiata, Alassio, ancora una volta, si è tirata su le maniche: passeggiate pulite, dehors regolarmente affacciati sul lungomare, un ricco calendario di eventi, di animazione, negozi e vetrine vestite a festa e i mercatini. Tutto vanificato, o quasi, dalla eccezionale difficoltà che il turista abituale ha riscontrato nel raggiungere non già la sola Alassio, ma l’intero ponente ligure. Occorre una presa di posizione netta”.

“Di qui, – ha aggiunto Parodi, – l’idea di un ordine del giorno eccezionale e specifico da condividere insieme ai comuni turistici della provincia di Savona e di Imperia avente come oggetto la condivisione di una politica dei trasporti e delle infrastrutture seria ed idonea a garantire la presenza da protagonista della Riviera Ligure nel terzo millennio. Non esiste che ad oggi il tempo di percorrenza della Autostrada Albenga-Nizza o Cannes sia invariato rispetto ai tempi di marcia tradizionali, mentre il tratto Genova Albenga significhi 4, 5 o addirittura 6 ore?”.

“È una mera provocazione: stanti così le cose, con il nostro territorio collegato alla sola Francia, saremo forse costretti a richiedere l’annessione alla repubblica francese?”, ha concluso l’amministratore alassino.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.