IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albenga, Roberto Tomatis attacca il sindaco: “Tiene Palazzo Oddo al freddo per ‘conservare’ la maggioranza”

"Un'amministrazione che dice di credere nella cultura dovrebbe garantire al personale e ai fruitori un ambiente accogliente in ogni stagione"

Albenga. “Un’amministrazione che dice di credere nella cultura, al punto che il sindaco Riccardo Tomatis ha tenuto per sé questa importante delega, dovrebbe garantire, sia al personale che ai fruitori di Palazzo Oddo, un ambiente accogliente in ogni stagione”. Lo dice il consigliere di minoranza di Albenga Roberto Tomatis attaccando il primo cittadino ingauno.

“Credo fortemente nel ruolo della cultura e della valorizzazione dell’enorme patrimonio storico, architettonico ed artistico per lo sviluppo, anche economico, di Albenga – dice Roberto Tomatis – Palazzo Oddo, negli ultimi anni, è diventato il simbolo delle iniziative culturali della città, grazie alla biblioteca ed alle sale che ospitano ‘Magiche Trasparenze’, esposizioni, conferenze, concerti ma anche tante associazioni che costituiscono il tessuto aggregativo della nostra città”.

Secondo il consigliere “praticamente metà della sale dell’antico collegio e tutto il quarto piano sono completamente al freddo, con il personale (sia della Fondazione che della Biblioteca) costretto a lavorare con i piumini, mentre chi ascolta una conferenza, assiste ad un concerto o visita una mostra (compresa quella molto bella di Roberta Camilloni, che si inaugura oggi) deve farlo imbacuccato come fosse al polo nord. Ora, questa amministrazione, neppure capace di garantire 20 gradi a Palazzo Oddo, vorrebbe addirittura cambiare lo status della Fondazione Oddi, che gestisce in autonomia gli eventi culturali, in società a partecipazione comunale, per quali fini è facile immaginare”.

“Mi viene il dubbio che il sindaco Tomatis, forte del fatto che il freddo conserva, pensi così di conservare la sua raffazzonata maggioranza, tenendo appunto Palazzo Oddo al gelo (ma altrettanto, d’estate, al caldo torrido, nonostante la presenza di un impianto di condizionamento imponente ma mai entrato in funzione). Caro Riccardo, non funziona così, una amministrazione si conserva se fa le cose, compreso riscaldare Palazzo Oddo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.