IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

A Carcare Babbo Natale ha portato il “Gentilino”, il nuovo biscotto con il sorriso

Ora al via il percorso di promozione grazie alla sinergia tra Comune, Pro loco e Valbormida Formazione 

Più informazioni su

Carcare. La notte di Natale ha visto la nascita di un dolce che ha il gusto di una fragrante novità per i carcaresi. Si tratta del “Gentilino“, il biscotto con il sorriso, prodotto dallo chef executive Sandro Usai e dagli allievi di Valbormida Formazione su proposta della Pro loco, che proprio quest’anno ha festeggiato vent’anni di attività. Ecco il motivo per il quale, in accordo con l’Amministrazione comunale, il nuovo dolce è stato distribuito alle famiglie presenti alla Messa di mezzanotte per un assaggio esclusivo, ma a gennaio verrà fatto conoscere, in primo luogo, alle panetterie e alle pasticcerie di Carcare.

Enrica Bertone

È intenzione dell’assessore alle attività produttive, nonché alla Gentilezza (da qui il nome del biscotto), Enrica Bertone, organizzare un incontro in cui la scuola di ristorazione potrà spiegare la ricetta e ogni produttore potrà elaborarla utilizzando inventiva e creatività. Nel solco della volontà, già manifestata nei mesi scorsi, di trovare un prodotto che si identifichi con il territorio carcarese, il Gentilino verrà proposto con la giuncata, il formaggio fresco già decantato dallo scrittore Anton Giulio Barrili nel libro “Amori alla macchia”, ambientato tra Villa Maura e la collina di San Giovanni.

“Sono davvero felice di aver trovato una concreta collaborazione con due parti attive del progetto, ossia la Pro loco e Valbormida Formazione – spiega l’assessore Bertone – L’idea di creare il Gentilino si pone nell’ottica di dare a Carcare un prodotto tipico, essendo il nostro paese ancora alla ricerca di essere associato ad un sapore o ad una ricetta specifica. Mi auguro di poter così trovare, prossimamente, questi biscotti nei punti vendita del paese, e di riuscire a commercializzare, oltre che a far conoscere al di fuori dei nostri confini comunali, un dolce che sa di tradizioni e ingredienti valbormidesi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.