Muore investito da un treno lungo la tratta Albenga-Alassio: ripresa la normale circolazione dei treni - IVG.it
Gesto volontario

Muore investito da un treno lungo la tratta Albenga-Alassio: ripresa la normale circolazione dei treni

È successo questa mattina

Agg. Ore 13:30. A partire da mezzogiorno circa, è ripresa la normale circolazione dei treni a seguito dell’investimento a persona avvenuto in mattinata. Effetti: 3 Intercity fino a 2 ore di ritardo; 7 Regionali fino a un’ora e mezza di ritardo; 4 IC e 10 Regionali parzialmente cancellati. Per ovviare, almeno in parte, ai disagi, è stato attivato nella tratta interrotta tra Albenga-Alassio un servizio bus sostitutivo.

Agg. Ore 11:45. Intorno alle 11.10 è arrivato il nulla osta da parte dell’Autorità Giudiziaria alla partenza del treno 11224 (autore dell’investimento), che è dunque ripartito con un ritardo di circa 100 minuti. Ora si attende l’ultimazione delle operazioni polizia giudiziaria per poter riattivare definitivamente l’intera tratta.

Albenga/Alassio. È accaduto questa mattina intorno alle 9.15 l’incidente che ha coinvolto una persona lungo il tratto ferroviario vicino al porto di Alassio, nei pressi della spiaggia di Sant’Anna.

Vittima dell’incidente è un uomo di 49 che, secondo quanto riferito, sarebbe stato investito dal treno 11224 proveniente da Sestri Levante e diretto a Ventimiglia, in un tratto di linea tra due gallerie.

Attualmente non è ancora stata resa nota la dinamica dell’incidente, ma, stando alle prime informazioni, potrebbe trattarsi di un gesto volontario. Fonti ufficiali delle Ferrovie dello Stato hanno confermato il decesso dell’uomo. 

Sul posto per i rilievi del caso sono giunti immediatamente i Carabinieri, la Polfer, i Vigili del Fuoco e la Polizia Municipale di Alassio. Il tratto di ferrovia in cui è avvenuto l’incidente mortale, in particolare, sarebbe facilmente accessibile a piedi, in quanto privo di impedimenti per i pedoni.

Aggiornamenti in corso. 

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.