IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltempo di ottobre e novembre, pari a 65 milioni di euro i danni registrati da enti pubblici

Giampedrone: “La richiesta dello stato di emergenza per la Liguria andrà da sola entro pochi giorni in consiglio dei ministri”

Regione. Ammonta a circa 65 milioni di euro la conta dei danni registrati da enti pubblici nelle ultime due ondate di maltempo che hanno colpito la Liguria tra il 21 e 22 ottobre e il 2 e 3 novembre, secondo le stime ufficiali di Regione Liguria. Di questi, 15 riguardano le somme urgenze già attivate o in via di attivazione da parte degli enti danneggiati.

“Come avevamo annunciato già il 4 novembre – spiega l’assessore alla protezione civile Giacomo Giampedrone – la richiesta di stato di emergenza che era stata avanzata dalla Liguria dopo gli eventi che avevano colpito le valli Stura e Orba è stata ampliata fino a comprendere tutti i comuni colpiti anche nella seconda ondata, quella di inizio novembre. La richiesta quindi riguarda circa 30 comuni da ponente a Levante e, come assicurato dal capo dipartimento della protezione civile Angelo Borrelli, approderà sul tavolo del consiglio dei ministri nei prossimi giorni, al primo consiglio utile”.

“La richiesta di stato di emergenza – aggiunge Giampedrone – inizialmente era stata avanzata congiuntamente col Piemonte, visto che i territori colpiti si trovano a cavallo delle due regioni. Dopo i fatti di inizio novembre e quindici giorni davvero difficili per la Liguria, si è deciso di procedere separatamente proprio per includere tutti i comuni liguri colpiti. In queste ore i tecnici del Dipartimento nazionale di Protezione civile stanno effettuando i sopralluoghi nelle località colpite delle piogge eccezionali del 2 e 3 novembre, accompagnati da quelli di Regione Liguria, e concluderanno le loro valutazioni entro domani. Un passaggio, quest’ultimo perché la richiesta di stato di emergenza arrivi al più presto a Roma”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.