IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Luka Modric si aggiudica il Golden Foot 2019

Lo speciale Settore Giovanile del ct Vaniglia

Il Principato di Monaco è un luogo di grandi eventi internazionali sia a livello sportivo, come il Gran Premio di Formula 1 e l’Open di Tennis, sia nel settore della cultura e dello spettacolo.

Ora grazie al “Golden Foot Award”, creato nel 2003, è diventato un punto di riferimento anche per il calcio mondiale. Il prestigioso premio internazionale è destinato a calciatori che abbiano compiuto almeno 28 anni, i quali si siano distinti per i loro risultati sportivi, sia a livello individuale che di squadra, e per la loro personalità.

Viene assegnato annualmente ad un giocatore in attività in base alle votazioni del pubblico effettuate via web tramite il sito ufficiale della manifestazione, su un pool di 10 candidati selezionati da un’apposita giuria composta da giornalisti di ogni parte del mondo. Sono inoltre premiati su speciale invito anche grandi campioni del passato.

I vincitori lasciano l’impronta dei propri piedi sulla Champions Promenade, una particolare Walk of Fame in stile Hollywood Boulevard sul lungomare delPrincipato di Monaco, e proprio per questo motivo il premio può essere vinto solo una volta per ogni giocatore.

Il primo vincitore è stato, nel 2003, l’allora giocatore del Brescia e a lungo protagonista della Nazionale italiana, Roberto Baggio, che ha lasciato le proprie impronte assieme ad Eusébio, Just Fontaine, Diego Armando Maradona e Gianni Rivera, i primi ad entrare nelle Leggende del calcio del Golden Foot. Nell’edizione del 2011 invece, il capitano argentino dell’Inter, Javier Zanetti, è stato il primo giocatore ad essere nominato per la vittoria finale del Golden Foot e contemporaneamente ad entrare nelle leggende.

A condurre l’edizione 2019 sono stati i conduttori Rai Savino Zaba e Simona Rolandi. Luka Modric, classe 1985, centrocampista del Real Madrid e della nazionale croata il è risultato il vincitore del 17° Golden Foot succedendo a Edinson Cavani, premiato nel 2018. L’ambito riconoscimento gli è stato assegnato martedì 12 novembre, in occasione della cerimonia e della serata di gala al Fairmont Monte-Carlo hotel. Al biondo fuoriclasse è stato consegnato il trofeo con il piede d’oro da Louis Ducruet. Emozionante il rituale con il calco nel quale Modric ha lasciato le impronte dei piedi, entrando quindi nell’olimpo dei più grandi del calcio di tutti i tempi.

“È un momento emozionante e sono felice di ricevere questo premio – ha detto -. È importante per me e per la mia carriera. Sono davvero molto onorato di far parte di tanti altri campioni di oggi e del passato, perché il Golden Foot è un riconoscimento speciale e unico, si vince solo una volta”. E sul suo futuro ha aggiunto: “Sto molto bene nel Real Madrid, ho un contratto da rispettare e ancora tanto lavoro da fare insieme”.

Le impronte di Luka Modric verranno poi trasformate in bronzo e si aggiungeranno per sempre lungo la celebre Golden Foot Champions Promenade nel Principato di Monaco, insieme a quelle di oltre cento fuoriclasse del calcio mondiale premiati con il Golden Foot. Per Antonio Caliendo, che ne è stato l’ideatore si è trattato di un’altra edizione da incorniciare.

Sul palco della Salle D’or del Fairmont sono salite anche le Leggende 2019: Carolina Morace, Paulo Roberto Falcao, Patrick Vieira e José Altafini. Hanno ricevuto il premio e lasciato le proprie impronte.Tra gli ospiti presenti Roberto Carlos, Golden Foot nel 2008, che ha premiato Carolina Morace.

Il Golden Foot Award, a differenza di altri premi, si può vincere solo una volta in carriera . Il verdetto è arrivato dai tifosi che hanno votato i dieci candidati di questa edizione, sul sito www.goldenfoot.com.

Modric è stato preferito a Lionel Messi e Gerard Piquè (Barcellona), Cristiano Ronaldo e Giorgio Chiellini (Juventus), Sergio Ramos (Real Madrid), Robert Lewandowski (Bayern Munich), Sergio Aguero (Manchester City), Wayne Rooney (DC United), Thiago Silva (PSG).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.