IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’associazione A Campanassa e il Comune di Savona organizzano sabato 16 novembre “Savona futura: ambiente marino” evento

L’evento gode del patrocinio del Comune di Savona, della Camera di Commercio Riviera di Liguria, dell’Unione Industriali della provincia di Savona, della Fondazione De Mari

Savona. Nell’ambito degli eventi per celebrare il 95° anniversario dalla fondazione, l’associazione A Campanassa, in collaborazione con il Comune di Savona, propone sabato 16 novembre alle 18.30 nella Sala dell’Anziania della Torre del Brandale di Savona, un incontro dal titolo “Savona futura: l’ambiente marino” a cura del professor Marco Giovine.

Proprio la biodiversità del mare, dagli organismi marini come sorgente di nuove molecole ai nuovi materiali per la biomedicina e la tecnologia avanzata, saranno al centro dell’incontro con il biotecnologo.

Ad intervenire saranno il presidente della Campanassa Dante Mirenghi che commenta: “Il mare, il territorio, l’assetto urbanistico, il porto, l’ambiente marino, il bosco, l’agricoltura, la flora, la fauna, l’aere e l’humus dello spazio, elementi tutti, questi, identificativi dell’habitat della nostra città, non potevano non rientrare nel programma degli eventi previsti per celebrare il 95° anniversario di A Campanassa, nell’ottica del percorso innovativo e moderno da apportare alla conoscenza dei giovani, della città: oggi l’ambiente marino rientra a giusto titolo negli eventi all’insegna “La Torre racconta…”.

Marco Giovine, docente di biologia molecolare e biotecnologie marine e professore al centro del mare dell’Università degli Studi di Genova, intratterrà sull’ambiente marino, introducendo alla conoscenza dello studio degli organismi marini, in molte occasioni determinanti per risolvere importanti problemi per l’uomo.

La realizzazione di nuovi farmaci per la terapia di gravi malattie (tipo il cancro), la produzione di materiali avanzati da utilizzarsi nei più disparati campi della tecnologia (i molluschi producono colle mirabolanti, le spugne utilizzano il loro scheletro di vetro per condurre al loro interno la luce come le moderne fibre ottiche, alcuni pesci posseggono proteine antigelo che impediscono il congelamento del sangue anche a temperature sotto lo zero, alcune meduse producono luce attraverso processi chimici che, una volta scoperti, sono stati utilizzati in molti campi della ricerca scientifica per comprendere i dettagli del funzionamento dei meccanismi molecolari delle cellule umane).

Sempre attraverso lo studio degli organismi marini, è possibile comprendere i meccanismi evolutivi di alcuni aspetti della fisiologia o della patologia dell’uomo (ad esempio uno degli animali più vecchi del mondo è un parente delle nostre vongole, che vive tranquillamente tre-quattrocento anni e gli studi effettuati per capire come fa a vivere così a lungo ci stanno aiutando a comprendere meglio alcuni meccanismi del nostro invecchiamento, oppure studiando il particolare comportamento di alcune spugne che inglobano in maniera selettiva granelli di quarzo è stato possibile trovare una chiave di lettura della silicosi, una importante patologia professionale che colpisce i minatori, e molto altro).

L’evento è organizzato con il patrocinio del Comune di Savona, della Banca BCC Pianfei e Rocca de’ Baldi, la Camera di Commercio Riviera di Liguria, l’Unione Industriali della provincia di Savona, la Fondazione De Mari, la Consulta Ligure e la Fondazione Savonese per gli Studi sulla Mano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.