IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Karate Club Savona ancora grande ai Tricolori Esordienti: seconda società in Italia

Medaglia d'oro per Beatrice Manca Perotti, bronzo per Paola Giordani e Micol Genta

Savona. Domenica 27 ottobre, presso il palazzetto dello sport di Quiliano, si sono svolte le qualificazioni regionali per le finali dei campionati italiani di Kumite della classe Esordienti (12/13 anni); il Karate Club Savona si è presentato all’evento con 11 atleti e sette di loro hanno centrato il lasciapassare per Roma.

Si tratta di Giorgia Brignone (37 kg), Giorgia Albamonte (60 kg), Paola Giordani (68 kg), Beatrice Manca Perotti (77 kg), Andrea Odello (40 kg), Riccardo Magnani (45 kg), Gian Lorenzo Pica (50 kg). Non ce l’hanno fatta Elena Scarone, Arianna Borini (60 kg), Daniele Testa e Filippo Bazzano (61 kg).

A questi si aggiungerà Micol Genta, già qualificata di diritto perché campionessa italiana 2018.

Sabato 16 e domenica 17 novembre presso il Palafijlkam di Ostia di Roma si è svolta la finale nazionale del campionato italiano Esordienti maschile e femminile, alla quale hanno partecipato gli atleti nati negli anni 2006 e 2007 che avevano superato la fase di qualificazione regionale. Alla gara il Karate Club Savona si è presentato con 8 atleti che si sono ben comportati dimostrando grinta e capacità tecniche.

L’avventura romana è cominciata subito bene: sabato Andrea vince in modo netto i primi quattro incontri, ma viene fermato in finale di poule, che gli avrebbe regalato la finalissima, per 1 a 0 contro con l’amico/rivale Guido Squillante di Salerno; rimane al savonese il diritto di combattere per la medaglia di bronzo. Andrea (classe 2007) si trova di fronte un atleta barese più grande (2006) e più esperto; il savonese, dopo aver subito un primo punto dall’avversario, ha perso lucidità e non è riuscito nella rimonta raggiungendo così un quinto posto che anche se alla prima esperienza nazionale va un po’ stretto in una categoria numerosissima, forse la più numerosa con 65 atleti iscritti. Lo sport insegna anche questo e l’anno prossimo sicuramente Andrea avrà modo di far valere il suo enorme potenziale tecnico-tattico.

Riccardo e Gian Lorenzo, anch’essi alla prima esperienza in campo nazionale, perdono al primo incontro; Riccardo con un forte atleta campano che poi arriverà terzo, negando così la possibilità al savonese di partecipare ai ripescaggi.

Domenica la mattinata entra subito nel vivo. Le atlete savonesi pronte al via sono cinque, già esperte e tutte in lizza per una possibile medaglia. Per Micol, la prima a scendere sul tatami nei 37 kg e campionessa italiana uscente, la giornata è tutta in salita: la situazione è stata tosta fin da subito in quanto nella sua parte di tabellone c’erano tutte le avversarie più forti ed attrezzate per ambire al titolo. La savonese è nervosa, sa che è lei l’atleta da battere, supera con ottimi punteggi (8-0 e 5-0) i primi due turni, ma perde al terzo incontro con un’atleta piemontese che vola in finale garantendo così alla savonese la possibilità di accedere ai ripescaggi. Micol non si è demoralizzata ed ha affrontato un incontro da manuale facendo sua la finale per il bronzo dove senza troppi rischi porta a casa la medaglia e il gradino più basso del podio: l’importante era riconfermarsi e ci è riuscita. Dopo tutti i successi stagionali centra l’obiettivo alla gara più importante dell’anno: non è da tutti un podio per due anni consecutivi al campionato italiano, la stoffa della campionessa comincia a delinearsi.

Due delle altre quattro ragazze (Giorgia Brignone e Giorgia Albamonte) sono state tutte un po’ sfortunate perché hanno perso entrambe al primo turno nonostante un ottimo incontro con delle atlete che poi sono andate a giocarsi la medaglia di bronzo, negando a tutte e due la possibilità dei ripescaggi. Per Paola invece un percorso un po’ diverso: perde di misura con un’atleta lombarda che approderà alla finalissima, quindi la portacolori savonese, dopo essersi rimboccata le maniche, vince due incontri che valgono anche per lei medaglia di bronzo e il gradino più basso del podio.

Per Beatrice, iscritta nella categoria più pesante (77 kg), la situazione è stata rosea fin da subito in quanto le atlete presenti ad ambire al titolo erano solo quattro; la savonese non ha sottovalutato l’impegno e vincendo entrambi gli incontri disputati per 2 a 0 porta a casa una splendida medaglia d’oro e il titolo di campionessa italiana.

karate

Nettamente soddisfatti dell’operato di tutti, i maestri Fassio, Quaglia e Zucconi sperano che questi risultati siano d’esempio per chi è appena entrato a far parte del gruppo agonisti del Karate Club Savona e magari non ha ancora raccolto grandi risultati.

Anche nel 2019 a Savona è arrivato uno scudetto tricolore: tutti i risultati e la partecipazione delle atlete a questa gara hanno contribuito a far sì che il Karate Club Savona conquistasse con 24 punti il secondo posto nella classifica nazionale per società su un centinaio presenti; un grandissimo risultato per una piccola società di provincia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.