IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Taggia prova la fuga, ma Varazze e Sestrese tengono risultati

Sembrano definite ormai le gerarchie con la classifica spezzata in tre tronconi

Nona giornata per il campionato di Promozione, Girone A, che vede il Taggia tenere la testa della classifica dopo la vittoria nel recupero contro la Sestrese in settimana. I giallorossi interrompono la striscia di risultati positivi del Bragno (che andavano a punti da quattro turni) e salgono a 25 punti. Partita equilibrata decisa solo da un episodio al 57° quando Paroldo tocca Travella in area che va giù. Per l’arbitro è rigore che lo specialista Tarantola trasforma. Sarà il gol decisivo. 

Non vogliono mollare le contendenti, però con il Varazze che supera di misura la Veloce grazie ai “Baroni”. Luca apre al 20° e Fabio la chiude all’ultimo minuto dopo che Calcagno aveva provvisoriamente riportato il parziale in parità. Stesso punteggio per la Sestrese che in casa regola il Ceriale, coriaceo, ma sconfitto. Segna subito la squadra di Magioncalda con Caramello che la mette di precisione dal limite dell’area al 9°. Il Ceriale prova a rientrare e ha una reazione forte che all’83° si concretizza con la zampata del bomber Daddi che anticipa tutti in area e impatta il parziale. La gara sembra destinata a chiudersi, ma all’ultimo secondo Zani inventa una punizione che si infila sotto l’incrocio e consegna i tre punti alla Sestrese. Buona gara comunque del Ceriale che avrebbe meritato di più.

Dietro al trio che guida, il campionato sembra indirizzarsi verso altri due blocchi, uno di bassa classifica per la salvezza, l’altro nella zona di mezzo capitanato dall’Arenzano che va a vincere sul Camporosso, e prova a ricucire lo strappo dalle prime. Gli imperiesi passano subito in vantaggio con Luci che dopo 3’ illude i padroni di casa, ma i biancorossoneri la ribaltano prima della pausa. Al 28° Pirozzi impatta e nel recupero Angius trova il gol del sorpasso. Nel secondo tempo si gioca in equilibrio, poi a 10’ dalla fine Giunta devia sfortunatamente nella sua porta e sfumano le speranze del Camporosso. 

Dopo la prima vittoria in settimana, la Loanesi torna a subire nel derby con il Celle. Per la verità la partita resta in equilibrio a lungo, ma in un quarto d’ora i rossoblù crollano. A cambiare le cose è un rigore di Raiola che al 63° sblocca la gara. I loanesi accusano il colpo e 4’ dopo Sofia raddoppia. Timida reazione rossoblù e Favara la chiude all’80° per il definitivo, e forse eccessivo, 0-3 per il Celle. 

Partita molto combattuta fra Praese e Via dell’Acciaio, due squadre bisognose di punti per allontanarsi dai bassifondi. Biancoverdi che aprono le danze al 18° quando Morando pesca l’angolino basso della porta di Carbone che non è esente da colpe. Le squadre non lesinano le forze e si affrontano a viso aperto. Al 41° torna la parità con Trudu che è al posto giusto nel momento giusto: palla nel mezzo e il centrocampista blugranata non può sbagliarla. 

Si va alla ripresa che è ancora più combattuta, anche se meno spettacolare dal punto di vista estetico. Molta lotta in mezzo al campo e poche occasioni. A fare la differenza sono stanchezza e nervosismo. Al 73° Ndao stacca di testa su calcio di punizione e ribalta il parziale. Nel finale la Praese spinge e all’84° l’esperienza di Tacchino viene premiata anche da una dormita della difesa ospite che consente la zampata dell’attaccante. Sembra tutto finito con un giusto pari, invece un guizzo di Federici in area, induce al fallo i difensori biancoverdi che provocano il rigore che Costa non sbaglia e regala 3 punti pesantissimi agli ospiti.

Finisce in parità Legino – Serra Riccò, con i gialloblù che vanno avanti con Ottolini al 12°, ma non riescono a chiuderla e vengono raggiunti nel secondo tempo da Romeo. Le due squadre restano quindi appaiate a 12 punti nella “terra di mezzo” della classifica. Poco dietro c’è il Ventimiglia che non vive, però un buon momento. Dopo il poco invidiabile record di essere stata la prima squadra a perdere con il fanalino di coda Loanesi, viene battuta anche dalla Dianese che quindi accorcia le distanze nelle zone di bassa classifica. Rossoblù in vantaggio al 33° con Casassa. Ad inizio ripresa Rea pareggia, ma l’equilibrio dura una decina di minuti, visto che Mehmetaj trova il gol della vittoria ospite.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.