IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il savonese Andrea Garreffa tra i giovani che hanno organizzato il flash mob 6000sardine

Laurea e specializzazione, è tra i I quattro ideatori del flash mob che ha portato in piazza oltre 15 mila persone

Più informazioni su

Savona. E’ savonese d’origine, arrivato a Bologna all’età di sei anni: ora ha una laurea magistrale in scienze della comunicazione pubblica e sociale. Ha girato il mondo con i suoi studi: Valencia, California e Washington. Ha concluso con una tesi in comunicazione ambientale, ora è guida ambientale escursionistica, accompagnatore in ciclopercorsi in tutta Europa.

E’ il ritratto di Andrea Garreffa, uno dei quattro giovani che hanno portato in piazza Maggiore a Bologna oltre 15 mila persone per dire “No” alla Lega.

Gli altri sono: Mattia Santori, 32 anni primo ideologo dell’iniziativa, e poi Roberto Morotti e Giulia Trappoloni. Sono loro gli ideatori del flash mob 6000 sardine, con spirito di partecipazione e di comunità, senza etichette politiche di sorta.

La piazza delle “sardine” è nata via Facebook ed è proprio grazie al tam-tam sui social che si è arrivati al successo dell’evento, mentre il leader della Lega apriva la campagna elettorale al palazzetto di Bologna per le elezioni regionali.

Il simbolo dell’iniziativa e del movimento è un pesce muto, in antitesi agli urlatori del web e dei comizi. Un messaggio lanciato sui social e poi il volantinaggio nelle vie del centro a Bologna, ma anche telefonate e messaggi. L’obiettivo era superare la capienza del PalaDozza, 6 mila persone, il risultato è andato al di là delle aspettative.

“Bologna non si Lega” e ancora “l’Emilia Romagna non abbocca” sono stati gli slogan della serata anti-Salvini, accompagnati dalla canzone com’è profondo il mare di Lucio Dalla.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.