IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Circolo Scherma Savona ai campionati europei di kendo e iaido

Quinto posto per Carlo Sappino; ottavi di finale per Vittorio Secco con la soddisfazione del premio Fighting Spirit

Savona. Kendo e iaido sono le due facce della stessa medaglia e rappresentano la Via della spada giapponese, la katana. Nel kendo due avversari si affrontano con spade di bamboo ed adeguate protezioni, nello iaido si usa una spada vera e si eseguono kata (sequenze di tecniche) senza avversario reale. Si potrebbe così riassumere: kendo spada finta ed avversario vero, iaido spada vera ed avversario finto.

Questa edizione dell’Europeo rappresenta un record di partecipazione con 230 atleti e 24 nazioni partecipanti. Ciascuna nazione può iscrivere due atleti per ogni categoria, fissata in base al grado, ed una squadra. L’Italia è presente con 13 atleti distribuiti in tutte e sette le categorie che vanno dai mudan (senza cintura nera) ai rokudan (cintura nera 6.to dan).

Anche la Liguria è presente con gli atleti del Circolo Scherma Savona: Vittorio Secco di Albenga, categoria 3.zi Dan negli individuali e membro della squadra, e Carlo Sappino di Savona, categoria 6.ti Dan.

La manifestazione ha inizio venerdì 1 novembre presso il Dais Sport Center nella periferia nord di Atene, coi seminari tecnico ed arbitrale gestiti dalla delegazione di maestri di altissimo livello, tutti 8.vi Dan, inviati dalla federazione giapponese di kendo e iaido.

Sabato 2 novembre alle ore 9 si tiene la cerimonia di apertura ed alle 9,30 si parte con gli individuali distribuiti su quattro aree di gara. In mattinata si svolgono i gironi eliminatori ed entrambi i savonesi passano le pool entrando nel tabellone delle eliminazioni dirette. A metà pomeriggio è il turno di Vittorio Secco che, alla sua prima esperienza europea, raggiunge gli ottavi di finale ed impressiona la commissione arbitrale che gli assegna il premio Fighting Spirit, una specie di premio della critica, per la qualità della tecnica espressa.

Nel tardo pomeriggio è Carlo Sappino a scendere in campo. Nonostante gli otto campionati europei già disputati, è al suo esordio nella categoria dei 6.ti Dan, dove si fermerà ai quarti di finale.

Domenica 3 novembre è la volta delle squadre. L’Italia in mattinata esce prima dal girone eliminando Finlandia e Bulgaria. Nel pomeriggio batte l’Ungheria e si ferma contro l’Olanda nelle semifinali ottenendo una medaglia di bronzo importante. L’Olanda batterà poi la Francia in finale.

Nel medagliere finale l’Italia è prima con tre ori, un argento, un bronzo ed un Fighting Spirit.

Ottimi quindi i risultati della nazionale italiana ed ottimi anche quelli dei rappresentanti del Circolo Scherma Savona, che non potranno riposare troppo in vista del campionato nazionale che si terrà ai primi di febbraio.

Nelle foto sopra: la premiazione della squadra italiana con Vittorio Secco secondo da sinistra

europei

Carlo Sappino in un momento della competizione

europei

La nazionale italiana con atleti, direttori tecnici, team manager ed arbitri

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.