IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Edilizia residenziale, piano da 13 mln euro per la riqualificazione energetica: coinvolti 4 comuni savonesi

L'assessore Scajola: "Grande opportunità per un progetto innovativo"

Regione. Oltre 13 milioni di investimenti per la riqualificazione energetica di 76 edifici in 16 comuni delle 4 province liguri, dove vivono circa 3 mila famiglie. Investimenti che, una volta ultimati, permetteranno un risparmio energetico attorno al 50%, per un totale di 11,5 GWh/a, una minore spesa per i residenti stimata tra il 4% e il 5% e una diminuzione di quasi 2.350 tonnellate di CO2.

Sono questi i numeri di Enershift, il progetto pilota della Regione Liguria, per la riqualificazione energetica degli edifici di edilizia residenziale pubblica, finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del programma Horizon 2020, che è arrivato alle fasi finali.

I lavori finanziati dai fondi FESR, a meno di due anni dallo stanziamento delle risorse, sono quasi tutti conclusi; nei prossimi giorni sarà firmato il contratto EPC con Arte Genova e, a gennaio, con le altre ARTE liguri. I 16 comuni sono: Bordighera, Imperia, Albenga, Millesimo, Cengio, Quiliano, Genova, Ronco Scrivia, Framura, Levanto, Brugnato, Follo, Arcola, La Spezia, Sarzana e Lerici.

Nel dettaglio gli investimenti sono ripartiti in:
– 6,2 milioni per lavori di efficientamento energetico svolti dalle Arte, le agenzie regionali che gestiscono il patrimonio edilizio, di cui 3,5 provenienti dal POR-FESR 2014-2020
– 3,4 milioni di investimenti dei privati, che saranno ricavati dalle gare per i contratti di rendimento energetico EPC: 2,5 a Genova e 900 distribuiti sulle altre Arte provinciali.
– 3,7 milioni assegnati dal governo in base alla Legge 80/2014 per emergenza abitativa e recupero alloggi ERP, a integrazione del contratto di Arte Genova

“Attraverso il progetto Enershift – spiega l’assessore regionale all’Edilizia Marco Scajola – la Regione Liguria, sostenuta da un partenariato locale che comprende tutti gli attori della governance del Social Housing, ha affrontato le riforme delle politiche abitative promuovendo la qualità dell’abitare, nel rispetto di alti standard tecnico-ambientali e delle esigenze dei residenti”.

A rendere possibile questo risultato è stata l’introduzione di un modello finanziario innovativo, di tipo EPC – Energy Performance Contracting, che rende possibile ovviare alla carenza di fondi pubblici per la riqualificazione degli edifici attraverso il ricorso a investimenti privati. Gli investitori, che sono “ESCo” (Energy Service Company), ovvero imprese in grado di fornire tutti i servizi tecnici, commerciali e finanziari necessari per realizzare un intervento di efficienza energetica, si ripagano con i risparmi ottenuti in un lasso di tempo concordato. E questo porta un beneficio agli inquilini degli immobili, ai proprietari e gestori degli edifici e al tessuto imprenditoriale locale che opera nel campo della green economy.

“EnerSHIFT è una grande opportunità per Regione Liguria – prosegue Scajola – che ha trovato le risorse per mettere in atto un progetto difficile, innovativo e competitivo, dove non era assolutamente scontato l’esito finale poiché in Italia l’utilizzo di contratti EPC nel settore residenziale pubblico è una sfida dal punto di vista tecnico, legale ed economico. Non a caso EnerSHIFT ha ricevuto nel 2018 il “Premio PA Sostenibile” e nel 2019 il prestigioso premio “European Energy Service Award 2019” assegnato dalla Commissione Europea come migliore iniziativa a livello comunitario nel campo del risparmio energetico applicato all’edilizia. Una grande soddisfazione, a riconoscimento dell’impegno e del lavoro svolto, e uno stimolo a continuare il nostro percorso verso la valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico”.

Ancora: in giunta regionale, su proposta dell’assessorato allo sviluppo economico Andrea Benveduti, è stata deliberata l’assegnazione di ulteriori risorse al bando attuativo dell’azione 4.1.1 del Por Fesr 2014-2020, dedicato all’efficientamento energetico negli edifici e nelle strutture pubbliche dei comuni con popolazione superiore ai 2 mila abitanti. L’intervento, a cui era stata assegnata una dotazione finanziaria di 5 milioni di euro, era stato attivato a gennaio per agevolare la promozione dell’eco-efficienza e la riduzione di consumi di energia primaria negli edifici e nelle strutture pubbliche.

“Con un rifinanziamento di 1,7 milioni di euro circa – sottolinea l’assessore regionale allo sviluppo economico Andrea Benveduti – riusciremo a soddisfare complessivamente 20 domande di contributo. Ricordo che il bando aveva riscosso un grande successo con una richiesta di contributo supeiore ai 14 milioni. Di qui l’intenzione di dedicare ulteriori risorse per un bando che consentirà alla collettività di produrre un miglioramento di almeno due classi energetiche su ciascun edificio oggetto dell’intervento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.