IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Chiusa l’allerta rossa: il punto su sfollati, strade, ferrovie e disagi negli ospedali fotogallery

Il governatore Toti: "Una delle perturbazioni più forti che hanno colpito la Liguria negli ultimi anni"

Liguria. “Abbiamo attraversato una delle perturbazioni più forti che hanno colpito la Liguria negli ultimi anni senza alcun ferito e di questo sono orgoglioso. Siamo pronti a chiedere lo stato di emergenza e valuteremo nelle prossime 24 ore la modalità più opportuna se sia meglio una richiesta di un nuovo stato o l’estensione di quello vecchio”.

Lo ha detto oggi il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti nel corso dell’aggiornamento sul maltempo nella sala della Protezione civile regionale a cui hanno preso parte anche il sindaco di Genova Marco Bucci, l’assessore regionale alla Protezione civile e Francesca Giannoni responsabile del centro meteo Arpal.

Si chiude, come previsto, l’allerta rossa che è terminata alle 12 su Genova e terminerà alle 15 sull’entroterra savonese per passare all’allerta gialla che terminerà alle 6 di domattina nell’entroterra del ponente. Un’allerta che ha provocato la caduta di 550 millimetri di pioggia sul territorio, circa un terzo della pioggia che cade in un anno e una cinquantina di frane nelle tre province liguri con epicentro a Savona.

“Siamo particolarmente soddisfatti per come il sistema ha reagito e per la collaborazione che c’è stata tra tutti gli Enti – ha continuato il governatore ligure – La Liguria non è in ginocchio, la regione ha retto. Abbiamo sentito anche il presidente dell’Autorità di Sistema del Mar Ligure Occidentale Paolo Emilio Signorini che ha confermato l’assenza di danni significativi ai porti di Genova e Savona. Solo allo scalo di vado ligure ci sono state alcune conseguenze limitate prodotte dalla mareggiata, nulla alla Piattaforma Maersk che inaugureremo nei prossimi giorni”.

Già dal primo pomeriggio il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, insieme all’assessore regionale Giacomo Giampedrone, si recherà nel ponente savonese per i primi sopralluoghi. In particolare i due rappresentanti istituzionali si recheranno sulla statale 334 per Stella, chiusa al km 6+900 a seguito di una frana.

PRECIPITAZIONI

Precipitazioni tra moderate e forti, tra la serata di ieri, la notte e la mattinata, hanno interessato soprattutto il centro Ponente con cumulate sulle 24 ore che in molte località hanno superato i 200 millimetri e in alcuni casi i 300. Nella zona A (Ponente regionale) si segnalano i 263.8 millimetri al Colle del Melogno (Sva) e i 227.6 a Onzo Ponterotto (Sv). Nella zona B (centro Ponente) 390 millimetri a Ellera Foglietto (Sv), 368.2 a Stella Santa Giustina (Sv), 351.8 a Lavagnola (Sv), 350.2 ad Alpicella (Sv), 328 a Santuario di Savona; in questa zona, per la provincia di Genova, 218.4 millimetri a Sciarborasca. Nei versanti padani di Ponente (zona D), 372.4 a Montenotte Inferiore (Sv), 358.4 a Urbe Vara Superiore(Sv), 347.2 a Piampaludo (Sv) mentre, in provincia di Genova, Prai (comune di Campo Ligure) ha raggiunto 204.8 millimetri. Nelle altre zone nelle quali si è conclusa l’allerta da segnalare i 131.8 millimetri di Montoggio (Genova, zona E) e i 130.6 di Casale di Pignone (La Spezia, zona C).

ISOLATI E EVACUATI

E’ isolato il Comune di Stella, nell’entroterra savonese, dove vivono 3000 persone. In queste ore si sta lavorando per ripristinare il transito sulla statale 334 da Albisola. A questi si aggiungono 800 isolati in tutta la regione. Ammontano a 181 le persone evacuate dalle loro abitazioni in tutta la Liguria: a Genova, a Sant’Olcese, ad Albisola Superiore, a Mallare, a Savona, a Varazze, a Ospedaletti, a Vessalico, a Sanremo, a Pieve di Teco, a Ventimiglia.

LE STRADE

E’ isolato il Comune di Stella, nell’entroterra savonese, dove vivono 3000 persone. In queste ore si sta lavorando per ripristinare il transito sulla statale 334 che passa da Albisola. Sono 14 le strade provinciali chiuse nel savonese: da ieri la 490 di Calizzano, la 22 a Celle Ligure, la 15 tra Pallare e Bormida; la 50 a Vara inferiore e la 43 a Martina Acquabianca entrambe nel Comune di Urbe; la 542 a Stella; un sottopasso della 29 è chiuso a Cairo Montenotte; la 5 a Mallare; la 18 a Moglio e la 19 nel Comune di Arnasco; la 49 a Sassello-Piampaludo. Oggi sono state chiuse anche la 29 nel tratto Savona Altare, la 2 Albisola-Ellera e la 490 nel Comune di Magliolo.

FERROVIE

La linea Torino – San Giuseppe – Savona via Ferrania è stata riattivata dalle 8, rimane interrotta via Altare per rami caduti sulla linea. I bus sostitutivi possono circolare via autostrada tra San Giuseppe e Savona. Linea Genova Savona Ventimiglia: persiste la mareggiata sul binario tra Loano e Albenga, quindi la circolazione nella tratta prosegue alternata su un solo binario. Linea Cuneo – Limone – Ventimiglia: circolazione interrotta nella tratta Limone – Ventimiglia per maltempo e bufera di neve. In atto lo sciopero del personale ferroviario sui treni regionali, dalle 9 alle 17, come previsto, nonostante l’allerta rossa. Fin’ora lo sciopero ha comportato la soppressione di 4 treni.

SANITÀ – ASL 2
Ospedale di Pietra Ligure: a causa delle infiltrazioni di acqua, è stato necessario trasferire temporaneamente sala parto e sala cesarei in altre sale dello stesso presidio. Ospedale di Savona: rilevate infiltrazioni di acqua in diversi ambienti senza particolari criticità. Ospedali di Cairo Montenotte e Albenga: nessuna criticità rilevata. I cambi turno del personale si sono svolti regolarmente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.