IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Un buon Vado viene punito eccessivamente dal cinico Prato: 4 a 2 risultati

Tre reti su calcio da fermo affondano i rossoblù, che resistono sull'1 a 1 per un'ora per poi franare nel finale di gara

Più informazioni su

Montemurlo. Il Prato, al suo secondo anno in Serie D dopo quarantuno stagioni consecutive tra Serie C2, Serie C1 e Serie C unica, punta a tornare tra i professionisti. Ha dimostrato di avere le carte in regola per riuscirci in questo primo scampolo di campionato, dove ha raccolto 13 punti in 7 partite. Un bottino che gli valgono il secondo posto a 2 punti dalla vetta, occupata dalla sorprendente Fezzanese.

I biancazzurri giocano le partite casalinghe a Montemurlo, comune di 18.818 abitanti che confina con il capoluogo, il quale, con 194.882 residenti, rappresenta una delle piazze più importanti della quarta serie. Il Vado, realtà molto più piccola, viene in Toscana con l’obiettivo di muovere una classifica ad ora deficitaria, dato che con 6 punti all’attivo i rossoblù si trovano in zona playout.

La cronaca. Vincenzo Esposito presenta il Prato con Bagheria, Gentili, Carli, Ghini, Bassano, Diana, Regoli, Gargiulo, Fofana, Surraco, Fanucchi.

A disposizione ci sono Piretro, Cecchi, Sciannamè, Maggini, Mariani, Nannini, Diarrassouba, Cellini, Kouassi.

Luca Tarabotto manda in campo Illiante, Ferrara, Dagnino, Redaelli, Tona, Fossati, Oubakent, Marmiroli, D’Antoni, Donaggio, Gallo.

Riserve Vasoli, Alberto, Aurelio, Gagliardi, Alessi, Scannapieco, Tomasini, Piacentini, Piu.

Arbitra Giovanni Agostoni della sezione di Milano, assistito da Adriano Gervasoni (Bergamo) e Riccardo Marra (Milano).

prato

Fin dai primi minuti la difesa rossoblù sta subito all’erta sui cross a cercare gli attaccanti dei locali. Tuttavia i liguri appaiono propositivi e, per nulla intimoriti, provano a fare la partita.

Il primo angolo dell’incontro, al 5°, è guadagnato dai vadesi. Al 9° prova la conclusione Donaggio, esce alla sinistra di Bagheria.

Lancio di Gargiulo per Regoli, atterrato. Calcio di punizione dalla sinistra: se ne incarica Gargiulo, palla in mezzo e Diana con il ginocchio devia e mette in rete. Al 14° Prato in vantaggio 1 a 0.

La reazione del Vado è in un tiro di Gallo, alto.

Ma è ancora il Prato a rendersi pericoloso: lancio di Regoli per Surraco che calcia verso la porta, Dagnino respinge in angolo.

Al 26° buona palla a cercare Oubakent ma è in fuorigioco. Al 27° Diana viene ammonito per un fallo commesso sulla trequarti. Al 28° Oubakent viene nuovamente pescato in offside; il Vado, comunque, sta provando a costruire azioni da rete.

Al 34° biancazzurri vicini al raddoppio, ancora su calcio da fermo: Gargiulo la mette in area, Gentili di testa e Illiante respinge. 

Al 36° fallo di Surraco su Gallo. Punizione: Donaggio non trova la porta.

Al 41° Ferrara ferma irregolarmente Fofana: cartellino giallo.

Al 43° Oubakent subisce fallo da Ghini e guadagna una punizione. Palla in area, colpo di testa di Donaggio: sopra la traversa.

Al 45° Oubakent salta in velocità Carli che lo atterra: calcio di rigore. Sul dischetto va Donaggio: portiere spiazzato e palla in rete. Prato 1 Vado 1 al 46°.

Il gioco non riprende nemmeno più: si rientra negli spogliatoi sul risultato di parità.

Secondo tempo. Mister Esposito schiera Kouassi e Cecchi al posto di Surraco e Carli.

Il Vado, dopo il buon primo tempo, pare ancora determinato a fare bene e già al 2° Donaggio chiama alla parata Bagheria.

Al 5° i rossoblù beneficiano del secondo corner della partita. Al 7° prova Ferrara da buona posizione: il suo tiro è respinto da un difensore.

Il Prato pareggia il computo degli angoli: due a due. All’8° terzo cambio tra i locali: dentro Mariani, fuori Regoli.

Partita aperta: entrambe le squadre provano a farsi avanti. Al 10° nuovo tiro dalla bandierina per i vadesi, ma non dà frutti. Al 13° ammonito Marmiroli.

Nel primo quarto d’ora della ripresa la squadra di mister Tarabotto ha fatto vedere decisamente di più rispetto ai pratesi. A spegnere le ambizioni dei vadesi, però, arriva improvviso il nuovo vantaggio dei locali. Al 16° calcio di punizione dalla sinistra battuto da Mariani, sul primo palo Fofana si fa trovare pronto alla deviazione vincente di testa: 2 a 1.

Si riprende e D’Antoni prova la conclusione: sul fondo. Al 19° ancora un angolo per i rossoblù, ma non sortisce effetti.

Al 23° azione insistita del Prato, la conclude Kouassi con un tiro a lato.

Al 24° prima sostituzione tra gli ospiti: Alessi per Gallo. Nel Prato entra Cellini per Fanucchi.

Il Vado sembra aver accusato il colpo. Al 26° punizione di Mariani: alta sopra la traversa. Al 27° calcio d’angolo per i toscani.

Al 28° Tomasini prende il posto di Fossati a centrocampo.

Al 33° cartellino giallo per Ghini. I locali gestiscono con sicurezza il vantaggio e al 34° guadagnano un altro angolo. Dalla bandierina di destra va Mariani, colpo di testa di Gentili e palla in rete alla sinistra di Illiante: 3 a 1.

Al 36° ammonizione per Tomasini.

Il Vado molla la presa e al 38° un rimpallo favorisce Kouassi che incrementa il bottino dei padroni di casa: 4 a 1.

Passano 2 minuti e il divario si riduce nuovamente a due reti: conclusione da fuori di Marmiroli, Bagheria respinge e Alessi è lesto a deviare in rete: 4-2.

Al 42° D’Antoni mette palla in rete, ma il gol è annullato per fuorigioco di Oubakent, autore del cross.

Al 43° entra Sciannamè al posto di Ghini. Il Prato gioca ancora e porta sul 5 a 4 in proprio favore il conteggio dei corner; sugli sviluppi Illiante respinge il tentativo di Mariani.

Al 47° contropiede di Fofana che salta Radaelli e conclude, Illiante si salva in angolo. Al 49° corner per il Vado, testa di Marmiroli: a lato.

Dopo 4 minuti di recupero arriva il triplice fischio. Finisce con la vittoria del Prato per 4 a 2.

In classifica il Vado rimane in quindicesima posizione, al fianco della Lavagnese. Domenica 27 ottobre riceveranno il Verbania, diretta concorrente nella corsa alla salvezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.