IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Querelle Ciangherotti-Vio, la giunta Tomatis non ci sta: “Continua a parlare a sproposito. Dovrebbe vergognarsi”

“Artefice della sconfitta del centrodestra, oggi non trova niente di meglio che attaccare la consigliera Vio”

Albenga. Il consigliere di opposizione Eraldo Ciangherotti (FI) tuona, attacca il consigliere Camilla Vio e scoppia la bagarre. La risposta della giunta Tomatis, firmata da tutti i consiglieri di maggioranza, infatti, non si è fatta attendere ed è stata tutt’altro che “morbida”.

“È incredibile costatare come nonostante la sonora sconfitta elettorale, peraltro l’ennesima della sua carriera politica, il signor Ciangherotti continui come se nulla fosse a parlare a sproposito, attaccando un’amministrazione eletta e quindi scelta dalla cittadinanza”, hanno esordito.

“Comprendiamo che, avendo ricoperto in vita sua un ruolo da assessore cittadino solo grazie ad una nomina post elezioni ed un ruolo da consigliere provinciale solo grazie ai voti dei suoi compagni di partito, non sia in grado di capire minimamente cosa significhi essere scelti per un ruolo importante, grazie ad un voto ricevuto per fiducia e stima dei cittadini”.

“Dopo essere stato l’uomo simbolo della sconfitta del centro destra alle elezioni, oggi questo signore – completamente abbandonato dalla sua parte politica, isolato a tal punto di votarsi da solo le sue proposte in Consiglio Comunale, non trova niente di meglio da fare, per attirare un po’ di attenzione su di se, che attaccare la consigliera Camilla Vio, una ragazza che da consigliera ha fatto più di quanto abbia mai fatto lui da assessore per i giovani e il sociale. sulla questione della ricostruzione dell’argine di Bastia e la messa in sicurezza della frazione stessa”.

“Non abbiamo intenzione di tornare nuovamente sul merito della questione, lo stesso sindaco Tomatis ha più volte spiegato come la competenza dell’intervento sia regionale e non comunale e come l’interesse dell’Amministrazione sia quello di veder risolto il prima possibile questo problema, nell’esclusivo interesse cittadino”.

“Tuttavia non possiamo tollerare che il consigliere Ciangherotti manchi di rispetto a qualcuno dei membri della nostra Amministrazione e, più in generale, all’intera cittadinanza che questa amministrazione rappresenta”.

“Ciangherotti dovrebbe semplicemente vergognarsi ad attaccare una giovane ragazza che in questi anni ha fatto di tutto per il bene della sua città e della frazione nella quale risiede, con onestà e passione, senza alcun fine personale, al punto da rifiutare un incarico da assessore che avrebbe meritato visto il grande consenso ottenuto”.

“Visti i suoi comportamenti di questi anni, non ci aspettiamo che Ciangherotti capisca ne cosa siano unità e spirito di squadra, ne cosa significhi davvero mettersi al servizio dei propri concittadini, ma gli ricordiamo che con le ultime elezioni, i cittadini di Albenga gli hanno detto chiaramente che non apprezzano il suo modo di fare e lo invitiamo quindi, per l’ennesima volta, a smetterla di usare attacchi personali e fake news nei confronti degli amministratori e di smettere di usare la città per le sue smanie di apparire”.

“Se vuole davvero il bene di Albenga, faccia un favore a tutti i suoi cittadini, impari a tacere, faccia i conti con i suoi di errori e la smetta di accusare falsamente gli altri, continuando poi, per giustificarsi, ad arrampicarsi sugli specchi con il risultato di scivolare ogni volta sempre più in basso”, hanno concluso dalla giunta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.