IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Musica d’autore, teatro, laboratori creativi, foto d’epoca: un sorprendente fine settimana di eventi in provincia

Il concerto "Le nuvole di Faber" ad Albenga, "Il Minotauro" in scena a Finale

Provincia. Il traduttore Renato Mucci definì l’autunno come il “terzo tempo nella sinfonia delle stagioni”. Nella comune accezione tardo settecentesca una sinfonia è composta da più movimenti musicali: con questi possiamo fare un paragone per “eseguire” i sempre innumerevoli IVG Eventi “scritti” nella lunga “partitura” del fine settimana marino e collinare (con il “consenso” dell’instabile meteo locale di stagione…).

Il parallelo orchestrale dà il “là” e ci invita ad assistere ad un emozionante pomeriggio pentagrammato: tre storici musicisti di Fabrizio De Andrè si riuniranno infatti ad Albenga per ricreare “Le nuvole di Faber” e i successi dei più grandi cantautori italiani.

A gran voce Finale Ligure richiama sul palco l’attrice Chiara Tessiore, che tornerà a smontare e ricostruire il selvaggio e feroce mito de “Il Minotauro” in un coinvolgente reading – concerto itinerante. A Savona si “correrà” la “Maratona di New York” ma solo a teatro e solo con Davide Paganini e Massimiliano Caretta, inscenatori di un’interessante storia.

Anche l’entroterra dà la sua personalissima “intonazione” al weekend. La Comunità del Cibo di Rocchetta di Cengio preparerà un menù rinascimentale leonardiano con una “lista delle cibarie” che prevede cinque portate, di cui avrà per ingrediente base la “Zucca in Piazza”. Come “digestivo” potrete prendere un po’ delle suggestioni della mostra di fotografie d’epoca originali di Testico tra Otto e Novecento.

Ma ben altro ci aspetta in questo sabato! Tutto quello che potete fare, vedere e gustare è solo in questa guida: leggetela e a scoprirete tutti gli IVG Eventi di oggi!

Mario Arcari, Giorgio Cordini, Ellade Bandini musicisti

Albenga. Archiviato lo strepitoso successo del “Gran Concerto per don Gallo” i Fieui dei Caruggi presentano il secondo evento della rassegna “Ottobre De Andrè”: il concerto “Le nuvole di Faber”. Sabato 19 ottobre pomeriggio nel cuore del centro storico si riuniranno tre storici musicisti di Fabrizio De Andrè che lo hanno accompagnato nei suoi tour e in sala d’incisione: Mario Arcari (clarinetto, oboe e flauti etnici), Giorgio Cordini (chitarra e voce) ed Ellade Bandini (batteria).

Addirittura gli ultimi due erano presenti il 3 agosto 1991 sul palco allestito allo Stadio “Annibale Riva” per la prima tappa del tour estivo de “Le nuvole”. Sono tre artisti poliedrici, di grande tecnica e lunga esperienza, che vantano collaborazioni molto importanti: oltre a Fabrizio De Andrè anche Mina, Guccini, Vasco Rossi, Zucchero, Ramazzotti, Venditti, Paoli, Concato, Vecchioni, Antonacci. Recentemente il trio ha inciso l’album “Senza parole” mentre il solo Giorgio Cordini ha pubblicato il libro “I miei otto anni con Fabrizio De André”.

Oltre alle canzoni di Faber il concerto darà spazio anche ai successi dei più grandi cantautori italiani e a racconti, aneddoti, confidenze. “Ottobre De Andrè” assicura dunque ancora una volta belle emozioni.

Finale Ligure. A distanza di un anno dal debutto e a grande richiesta sabato 19 ottobre sera l’associazione Baba Jaga propone il reading-concerto itinerante “Il Minotauro”, liberamente tratto dall’omonimo racconto di F. Dürrenmatt, di e con Chiara Tessiore.

Quello del Minotauro è un mito che tutti (o quasi) conoscono: l’uomo – toro rinchiuso nel labirinto di Cnosso costruito da Dedalo, la creatura con corpo umano e testa taurina, figlio del toro di Creta e della regina Pasifae, il Minotauro selvaggio e feroce che, avendo la testa di una bestia, è completamente dominato dal più ferino e violento istinto animale. Eppure in questa versione il mito viene decostruito e smontato, ricostruito e svuotato.

Il labirinto diviene un’intricata galleria di specchi in cui il “mostro” si riflette e rispecchia infinite volte, dando vita ad infinite visioni e illusioni di sé. Anche la scrittura, la forma del racconto, i suoni stessi si fanno immagine, riflesso, eco e il pubblico è chiamato a immergersi in questo rifrangersi molteplice, a perdersi fisicamente nel labirinto, seguendo un filo rosso, una voce, una musica, una storia…

teatro sacco

Savona. Sabato 19 ottobre va in scena lo spettacolo teatrale “Maratona di New York” di Edoardo Erba per la regia di Antonio Tancredi. Protagonisti sul palco saranno Davide Paganini e Massimiliano Caretta.

Due ragazzi corrono di notte. Corrono e corrono. Si allenano. Hanno in mente di andare a New York, alla famosa maratona. Ma questa notte non è come le altre. C’è una strana inquietudine, un senso di angoscia che attraversa le parole e si riverbera nel silenzio della strada. “Hai sentito le previsioni? – dice Stefano – Domani viene il gelo cosmico. Il gelo cosmico. L’universo che si raffredda. Lo zero assoluto”. “A me sembra già freddo adesso”, risponde Mario.

È un’impressione? Oppure qualcosa sta accadendo davvero? La realtà è proprio quella che si vede? Il brivido attraversa la pelle, si insinua nei discorsi, nelle divagazioni, provoca domande sproporzionate. “Dovremmo decidere se esiste Dio”, dice Mario. Ma perché proprio stasera? C’è un punto di passaggio fra due realtà, fra due dimensioni. Quando il diaframma che le divide si apre, il paesaggio intorno diventa misterioso…

libri bambini lettura

Varazze. Sabato 19 ottobre la scrittrice Mariapaola Pesce, in arte Mapi, terrà il laboratorio di lettura e creatività “Una casa tutta speciale”.

Nel mondo ci sono case di ogni forma, colore, dimensione e materiale: sono grandi e piccole, alte o basse, nuove oppure vecchie, ma a noi piacciono così! Dopo aver girato il mondo alla scoperta di quelle più lontane o suggestive ne inventeremo insieme una che ancora non c’è… se non nella nostra fantasia! Avrà le zampe? Chi lo sa! Forse le ali? Perché no! Non ci sono limiti a quello che potremo creare insieme, purché ci divertiamo!

L’incontro prevede la lettura del libro “Case nel mondo”, edito da Mondadori Electa. “Questo libro ci accompagna in un viaggio in giro per il mondo sulle orme di una ragazzina intraprendente che ha deciso di scoprire e raccontare non solo alcune delle abitazioni più curiose ma anche i mille usi, costumi e abitudini delle persone che ci vivono”, dice Mapi. A seguire la creazione in gruppo di una nuova casa, in cui ciascuno metterà il suo contributo per immaginare un posto speciale dove abitare, giocare e crescere!

zucca in piazza

Cengio. La Comunità del Cibo di Rocchetta insieme all’executive chef Sandro Usai prepareranno un menù rinascimentale con una “lista delle cibarie”, termine utilizzato dallo stesso Leonardo da Vinci per indicare il menù, che prevede cinque portate: due fredde di credenza e tre calde di cucina con ingrediente base la Zucca di Rocchetta.

La cena conterà sulla preziosa collaborazione degli allievi del Centro Valbormida Formazione di Carcare e sarà accompagnata dai racconti del critico enogastronomico Claudio Porchia, che porterà a scoprire un Leonardo poco conosciuto, impegnato a inventare macchine per migliorare l’attività nelle cucine degli Sforza.

“Zucca in Piazza”, giunta alla sedicesima edizione, è diventata un importante appuntamento non soltanto per la riscoperta della Zucca di Rocchetta ma anche per far conoscere i prodotti della Val Bormida, in particolare i Presidi Slow Food. La manifestazione è stata riconosciuta “ecofesta” dalla Regione Liguria sia per l’adozione di stoviglie compostabili sia per la dotazione di appositi contenitori per asporto cibo non consumato.

Testico fotografia d'epoca

Testico. Sabato 19 e domenica 20 ottobre sarà visitabile una mostra di fotografie d’epoca originali relative al lungo periodo tra l’Ottocento e il Novecento del secolo scorso e tratte dall’archivio del professor Riccardo Aicardi. A tale esposizione organizzata dall’amministrazione comunale si unisce una votazione popolare per la selezione di 13 fotografie che saranno pubblicate sul calendario di Testico del 2020.

Questa mostra intende cogliere l’occasione del prossimo Calendario 2020 per rievocare il passato di Testico, come si viveva e lavorava, le persone, le famiglie, i bambini, la scuola, le feste e le tradizioni popolari, la chiesa, la guerra, le curiosità sociali e quant’altro sia riconducibile alla cosiddetta connessione emotiva con il territorio, ovvero all’autodeterminazione della propria identità.

In questo modo si propone di stimolare l’orgoglio di appartenenza al territorio, alle sue origini e alla sua storia; promuovere la condivisione di quei valori etico culturali di fratellanza, solidarietà e mutuo soccorso che rappresentano un fondamentale patrimonio di convivenza della comunità tutta; valorizza il ricordo e il rispetto delle generazioni passate affinché quelle di oggi e domani ne raccolgano l’eredità, tutelandone i contenuti oggettivi, garantendone la continuità ed amplificandone i valori morali e materiali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.