IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Mezzo confiscato e assegnato all’associazione delle polizie Locali di Albenga, Loano e Finale

Albenga. Un veicolo Volkswagen Polo immatricolato nel 2014 con 47 mila chilometri e posto sotto sequestro dalla polizia locale di Milano (il conducente è stato sorpreso a guidare in stato di ebrezza) è diventato un nuovo mezzo a disposizione dell’associazione della polizia locale di Albenga, Loano e Finale.

L’ufficio di polizia amministrativa del Comune di Albenga, appena venuto a conoscenza della confisca del veicolo, ha fatto richiesta di assegnazione e, pochi giorni fa é arrivato il decreto di assegnazione da parte dell’agenzia del demanio della Lombardia.

Proprio oggi il veicolo è stato recuperato in un deposito di Milano tramite carropianale della ditta Nuovaeuromotor e trasportato presso il comando di Albenga.

Afferma l’assessore alla polizia locale Mauro Vannucci: “Con ogni probabilità il veicolo verrà attrezzato a servizio per l’unita cinofila e messo a disposizione dell’unione dei tre Comandi. Il parco veicoli, dunque, incrementa i suoi mezzi e le sue attrezzature e lo fa in economia grazie all’attenzione prestata dalla nostra Polizia Locale anche verso queste procedure che rappresentano una vera opportunità da non lasciarsi sfuggire”.

Le amministrazioni, infatti, dal 2014 hanno una grandissima opportunità, che con il crescere delle confische e dei sequestri per reati legati al codice della strada sta diventato sempre più importante cogliere, che è proprio quella di richiedere i mezzi confiscati ed utilizzarli per uso di pubblica utilità. Questo permette un grosso risparmio per le polizie locali che, con questa modalità, possono risparmiare i soldi per l’acquisto del veicolo e utilizzare il necessario per l’allestimento.

Aggiunge il sindaco Riccardo Tomatis: “In questo tipo di operazioni il nostro corpo di polizia municipale sta dimostrando le proprie capacità e competenze. Ringrazio gli uffici che se ne sono occupati perché questo è un modo importante per ridurre le spese da parte dell’Ente pubblico e acquisire dei beni che altrimenti andrebbero persi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.