IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La protesta di Ata Pc: “Scuole chiuse per tutti ma non per il personale, segretari e bidelli non sono Superman”

"Se ci sono rischi sul territorio riguardano tutti i cittadini, non solo studenti e docenti. Siamo pronti ad azioni legali

Liguria. “In questi giorni la Regione Liguria ha emanato l’allerta arancione per alcune zone del savonese e di conseguenza i sindaci hanno provveduto a ordinare la chiusura delle scuole. Il Comune di Loano invece ha ordinato la semplice sospensione delle attività didattiche. In conseguenza di ordinanze simili, i dirigenti scolastici esonerano dall’obbligo di recarsi nelle scuole sia gli studenti che i docenti, ma non il personale Ata, che è tenuto comunque a presenziare”.

Lo annuncia Ata Pc Savona (Associazione Tutela Ambiente e Protezione Civile), che ha deciso per questo motivo di scrivere al sindaco di Loano. In realtà, va detto, la sospensione delle attività didattiche (e non la chiusura delle scuole) è un provvedimento comune anche ad altre località, come ad esempio Finale Ligure e, in alcune occasioni, la stessa Savona.

“Appare evidente che, se vi sono gravi rischi sul territorio, questi riguardino tutti i cittadini e non solo una parte – fanno notare da Ata Pc – Già in occasione della scorsa allerta, verificatasi il 14 luglio, la nostra associazione, che si occupa anche di Protezione Civile, aveva scritto al sindaco di Loano esponendo questo problema e chiedendo misure correttive. Non ci è giunta alcuna risposta dal palazzo municipale e, nuovamente, è stata riproposta la mera sospensione delle attività anziché la chiusura delle scuole”.

“Vorremmo far comprendere che segretari e bidelli non sono superman e non sono in grado di ‘volare sulle acque’, ma in caso di percolo sono esposti esattamente come tutti gli altri cittadini – concludono – Abbiamo quindi provveduto a scrivere nuovamente al sindaco di Loano chiedendo di tutelare tutta la popolazione in caso di allerta idrogeologica. In assenza di correttivi tali da garantire piena sicurezza non ci resterà che rivolgerci ad Autorità Superiori ed valutare azioni legali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.