IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Infortunio all’Italiana Coke di Cairo, la minoranza: “Perché l’elicottero di soccorso non è atterrato sulla pista di Ponte degli Aneti?”

"L'elicottero è atterrato nel campo sportivo in zona Vesima"

Cairo Montenotte. Questa mattina i consiglieri comunali di minoranza di Cairo Montenotte Giorgia Ferrari, Alberto Poggio e Matteo Pennino hanno protocollato in municipio un’interrogazione urgente con la quale chiedono al sindaco Paolo Lambertini e alla sua giunta “come mai ieri mattina, dopo il gravissimo incidente ad un operaio all’interno di Italiana Coke, l’elicottero dell’elisoccorso non sia potuto atterrare sulla pista dedicata agli atterraggi di emergenza in località Ponte degli Aneti, ma sia atterrato nel campo sportivo in zona Vesima”.

“Se la motivazione reale è, come si apprende dagli organi di informazione, l’interferenza con l’area canina allestita dalla giunta del sindaco Lambertini nelle immediate vicinanze, ci chiediamo perché decidere di situarla proprio in quella zona e come mai non siano state fatte le valutazioni indispensabili a non compromettere le operazioni di soccorso, denotando una preoccupante superficialità da parte di chi ci amministra”.

Nel documento si legge: “Il Comune di Cairo si è dotato di pista per l’atterraggio di emergenza dell’elisoccorso, realizzata in zona Ponte degli Aneti nell’anno 2012
accanto a detta pista pochi mesi or sono è stata allestita un’area canina con installazione di attrezzature e giochi per cani. Dagli organi di informazione abbiamo appreso che il 3 ottobre scorso, a seguito di un gravissimo infortunio occorso ad un operaio all’interno dello stabilimento Italiana Coke, si è reso necessario l’intervento dell’elisoccorso. Secondo quanto riportato dai media, l’atterraggio dell’elicottero dei vigili del fuoco sulla pista è stato reso impossibile a causa della presenza dell’area canina ed è stato, quindi, dirottato al campo sportivo in zona Vesima per motivi di sicurezza”.
“Riteniamo che la scelta di realizzare un’area canina, opera di per sé assolutamente condivisibile e utile, nei pressi della pista destinata al servizio dell’elisoccorso per gli atterraggi di emergenza sia stata, evidentemente, assunta senza un’attenta valutazione da parte di questa giunta comunale delle inevitabili interferenze tra le due aree, delle prevedibili conseguenze e dei rischi che potrebbero derivare in caso di ritardo nelle operazioni di soccorso, denotando superficialità nella decisione”.

Alla luce di questa situazione, i tre consiglieri interrogano l’amministrazione comunale per “sapere se corrisponde al vero che il 3 ottobre scorso il servizio di elisoccorso impegnato in un intervento a seguito di un grave infortunio sul lavoro non è atterrato sulla pista di emergenza dedicata in località Ponte degli Aneti, ma è atterrato nel campo sportivo in zona Vesima” e per “conoscere, in tal caso, le motivazioni del mancato atterraggio”. Infine, i consiglieri di minoranza chiedono di “sapere, altresì, se, prima di autorizzare la realizzazione dell’area canina adiacente alla suddetta pista, siano stati acquisiti i pareri della polizia municipale, dei vigili del fuoco e degli altri enti e/o servizi competenti” e chiedono di “ricevere copia di tali pareri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.