IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il navigatore albenganese Bruno Banaudi secondo al Rally del Piemonte

Alle note di Simone Giordano, preceduti solamente da Fabrizio Bianchi ed Alessandro Mattioda

Albenga. Due presenze, due vittorie. È questo il palmarès di Fabrizio Bianchi al Rally del Piemonte. Vittoria nella prima edizione del 2015, affiancato da Enrico Ghietti su Mitsubishi Lancer Evo IX. Vittoria nella quinta edizione, andata in scena fra le colline di Mondovì e Ceva sabato 19 e domenica 20 ottobre, con la Škoda Fabia R5 con a fianco Alessandro Mattioda. Con una sostanziale differenza. Se nel 2015 Bianchi aveva preso il comando solo alla terza delle sei prove speciali andando poi in crescendo nel finale, nell’edizione di quest’anno non ha praticamente concesso spazio agli avversari vincendo sette delle otto prove della gara, allungando con determinazione fin dal primo passaggio sulla prova speciale di Ciglié che apriva il confronto cronometrato sabato pomeriggio.

Se la sfida per la vittoria è stata una lunga fuga del pilota di Trofarello, avvincente è stata la battaglia per i successivi gradini del podio che ha visto prevalere Simone Giordano, affiancato da Bruno Banaudi, per la prima volta sulla R5 boema, capace di recuperare dopo un inizio accorto per studiare la vettura e poi attaccare deciso nella seconda parte della gara della domenica, prendendosi la soddisfazione di segnare il miglior tempo assoluto nell’ultima prova speciale. Terza piazza per Luca Arione-Roberto Aresca, che hanno conquistato la seconda posizione nelle due prove del sabato a Ciglié, difendendosi poi dagli assalti di Gianluca Tavelli-Nicolò Cottellero, alla fine quarti dopo un dritto con toccata.

Dopo le quattro Škoda Fabia R5, assolute dominatrici della gara, si è posto in netta evidenza l’equipaggio locale formato da Andrea Gonella-Denise Manassero, che hanno chiuso al quinto posto assoluto con la loro Peugeot 208 R2B confermandosi per tutto l’arco della gara gli assoluti dominatori fra le Due Ruote Motrici, riuscendo ad inserirsi fra le R5 nella Ceva-2 dove hanno chiuso con il terzo miglior tempo. Alle loro spalle Paolo Vigo-Chiara Lavagno, autori di una gara perfetta, veloce e senza sbavature con la loro Clio S1600 che precede il trittico delle Peugeot 208 R2B, che dopo un duello con continui scambi di posizioni vede prevalere (settimo assoluto e secondo di classe) Cristiano “Leon” Fenoglio, quindi Roberto Amerio-Enrico Piovano, e Danilo Baravalle-Enrico Ghietti, che hanno accusato problemi ai freni nella prova di apertura del sabato e sono stati protagonisti di un testacoda sulla sesta prova speciale, la Niella-2. Da segnalare nelle posizioni che contano la gara di Manuel Villa-Marco Rosso, quattordicesimi assoluti, che staccano il nono tempo assoluto nel secondo passaggio a Niella Tanaro con la piccola Seicento Kit e vincono il duello di Classe A0 con Edoardo Nolasco-Andrea Ferrari, che chiudono appena due posizioni più indietro, fra i complimenti dello stesso Villa.

Degli 81 equipaggi regolarmente verificati hanno concluso in 62. Fra i ritirati da segnalare Sandro Sottile-Marco Nari che avevano segnato il sesto tempo assoluto sulla prima prova speciale, prima che nella seconda cedesse il motore della loro Clio Williams e i vincitori della scorsa edizione, Matteo Giordano-Manuela Siragusa, afflitti da problemi al motore della loro Citroën Saxo K10 nelle prove del sabato costretti a rimontare posizioni su posizioni la domenica fino a rientrare nella top ten, prima di rompere la barra stabilizzatrice sulla Ceva-2, perdendo posizioni. Nella settima prova cedimento meccanico definitivo e mesto ritiro per i coniugi cuneesi.

Spettacolare uscita di strada, con relativo capottone, per Enrico Silvestro-Beatrice Bodrito al termine della Niella Tanaro-1 la prima prova di domenica, che fino a quel punto erano gli assoluti dominatori della Classe R3 e noni della classifica assoluta. Stessa dinamica e stesso punto anche per Cristian Clavario e Alessia Binello, con la loro Citroën C2 di Classe Racing Start. Le due uscite si sono risolte senza danni agli equipaggi.

La gara si è svolta in condizioni meteorologiche difficili, con asfalto umido il sabato e pioggia battente per la gran parte della giornata di domenica. Soddisfazione sul palco arrivi di Antonio Ferrigno e dell’Aeffe Comunicazione che hanno organizzato la gara per lo svolgimento di un rally che ha ottenuto grande apprezzamento da concorrenti e appassionati.

Bruna Banaudi

I primi 10 classificati:
1. Bianchi F. – Mattioda A. (Skoda Fabia R5) in 50’26″7
2. Giordano S. – Banaudi B. (Skoda Fabia R5) a 1’25″9
3. Arione L. – Aresca R. (Skoda Fabia R5) a 1’47″2
4. Tavelli G. – Cottellero N. (Skoda Fabia R5) a 2’20″8
5. Gonella A. – Manassero D. (Peugeot 208 Vti) a 2’41″0
6. Vigo P. – Lavagno C. (Renault Clio S1600) a 3’32″8
7. Fenoglio C. – “Leon” (Peugeot 208 Vti) a 4’35″9
8. Amerio R. – Piovano E. (Peugeot 208 Vti) a 4’47″1
9. Baravalle D. – Ghietti E. (Peugeot 208 Vti) a 5’11″3
10. Verna A. – Montaldo U. (Subaru Impreza) a 5’12″5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.