Il cinghiale domestico Grufi ucciso nel recinto da un cacciatore: indagini dei carabinieri - IVG.it
Tragedia

Il cinghiale domestico Grufi ucciso nel recinto da un cacciatore: indagini dei carabinieri

Era affidato alla cure del maneggio “Cavallo George” di Stellanello, dove si è consumato il tragico episodio

Stellanello-Laigueglia. Sono in corso le indagini dei carabinieri forestali per far luce sulla tragica morte del cinghiale domestico “Grufi”.

L’animale è stato freddato dal colpo di fucile di un cacciatore, ma non all’aperto bensì mentre si trovava rinchiuso nel recinto del maneggio “Cavallo George” di Stellanello, dove era accudito da anni.

A salvare l’animale, nel 2015, era stato il sovrintendente capo della polizia municipale di Laigueglia Franco Berardi, che lo aveva trovato malconcio, ancora cucciolo, sul ciglio della strada nell’entroterra di Alassio e aveva deciso di portarlo con se e accudirlo.

Quindi, la decisione di affidarlo alle cure del maneggio, dove l’ex vigile lo andava a trovare di frequente. Solo le indagini potranno svelare i risvolti del macabro episodio.

leggi anche
  • Svolta?
    Indagato un cacciatore per la morte di “Grufi”, il cinghiale domestico ucciso nel suo recinto
  • Commovente
    “Me lo hanno tolto, ma è sempre mio”: l’ultimo saluto di Franco Berardi al cinghiale “Grufi”

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.