IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Game of Kings, la serie cinematografica ligure “sbarca” in provincia di Savona evento foto

Ieri è stata proiettata al multisala Diana di Savona, questa sera toccherà al cinema teatro Moretti di Pietra Ligure

Savona/Pietra Ligure. Ieri sera è stato proiettato al multisala Diana di Savona la seconda parte della serie made in Liguria dell’autore savonese Dario Rigliaco e del regista Gioele Fazzeri, dal titolo “Game of Kings”.

game of kings savona cinema Diana

“Game of Kings è la Liguria – ci tiene a dire Rigliaco – perché sono stati valorizzati i luoghi da Genova a Savona. Questa regione offre veramente tutto, dal mare alla montagna, dalla roccia alla grotta, luoghi meravigliosi. Per scelta progettuale abbiamo voluto girare tutta la serie in Liguria. Siamo innamorati di questa terra, siamo liguri e abbiamo deciso di fare un prodotto ligure”. Nel cast anche un attore savonese, Alberto Aimo: 21 anni, studente universitario, nella serie interpreta il principe Alistar Lagostin, figlio del re di Winrell. E anche il figurante più giovane è un bambino di Pietra Ligure.

La trama del fantasy medievale Game of Kings ruota attorno a quattro regni con ognuno un re o un sovraintendente. Ogni regno è stato identificato in un luogo peculiare: il regno di Winrell (a est) è stato individuato in Campo Ligure (in provincia di Genova) a Castello Spinola; a ovest si trova la contea di Prestonshire, nel borgo di Balestrino; a sud il regno di Daxos, un regno di mercanti al castello Mackenzie di Genova, un castello con una grotta molto interessante; invece a nord esiste il popolo di Sisborn, il regno più vichingo e selvaggio della serie, ambientato sulle spiagge di Quarto dei Mille e di Genova Quinto al Mare.

“La serie nasce grazie all’associazione culturale D&E Animation (che unisce attori non professionisti) di Genova, poichè la produzione è del tutto indipendente. Si tratta di un progetto che ha coinvolto più di 300 persone in due anni di lavorazione – continua l’autore – Game of Kings non è solo attori e comparse, ma dietro c’è una squadra di ‘professionisti’, numerosi impegnati anche in altri lavori”.

Per quanto riguarda le novità, “quest’anno, rispetto allo scorso anno, che la parola sponsor era un’utopia, Game of Kings ha fatto un salto di qualità per visibilità. Associazioni, una serie di attività locali e aziende hanno voluto partecipare e contribuire alla realizzazione di questo progetto: abbiamo collezionato la bellezza di 29 sponsor” fa sapere lo sponsor manager Matteo Benvenuti.

Tra le parole di Dario Rigliaco anche un’ottima notizia per gli amanti della serie: “Stiamo già lavorando a un altro progetto, a uno altro film”, senza nascondere la possibilità che possa esserci un seguito di Game of King, una seconda serie, il tutto anche per merito del successo di pubblico che la visione della serie sta avendo.

La seconda e ultima parte della serie, presentata al cinema The Space di Genova il 26 settembre, al multisala Diana di Savona il 3 ottobre, questa sera (4 ottobre) sarà visibile al Cinema teatro Moretti di Pietra Ligure, mentre i primi cinque episodi sono disponibili gratuitamente sul canale youtube di D&E Animation.

Il primo episodio

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.