IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Finale Ligure, bar “ringrazia” i dipendenti regalando loro una vacanza a Ibiza foto

Succede al Café Van Gogh, i lavoratori: "Una favola che si ripete ogni fine estate"

Più informazioni su

Finale Ligure. Un viaggio a Ibiza come incentivo aziendale. Già solo l’idea rappresenta un miraggio per la stragrande maggioranza dei lavoratori. Se poi a donarlo ai propri dipendenti non è una multinazionale, ma un “semplice” bar, allora diventa davvero una notizia.

E’ la favola che arriva da Finale Ligure, e a raccontarla è lo staff del Café Van Gogh. A gestirlo sono tre fratelli, Mario, Lara e Nicol, tutti sulla quarantina: “Vogliamo ringraziare ad alta voce i nostri ‘amici titolari’ – scrivono i loro dipendenti – per averci regalato una vacanza da sogno ad Ibiza”. Un modo, spiegano, per ripagarli “per l’impegno messo in una stagione lavorativa davvero dura”.

Il gruppo (12 lavoratori e i tre titolari) è quindi volato verso le isole Baleari lo scorso 7 ottobre, per quattro giorni di allegria nella capitale spagnola della movida. Un gesto alla “Brunello Cucinelli” di cui il team ha ben chiaro il valore, e proprio per questo i ragazzi del Van Gogh hanno voluto contattare IVG: per ringraziare i datori di lavoro rendendo pubblico il loro gesto. Anche perché non è un’eccezione: “Potrebbe sembrare una stranezza ai giorni nostri, ma ormai sono 7 anni che questa favola si ripete ogni fine estate…” confidano.

Ogni anno infatti i titolari ringraziano i loro dipendenti con un viaggio: “Amsterdam, Praga, Berlino, Parigi, Barcellona, ogni capitale è giusta per fare team building e fare festa”. E la ricetta, a quanto pare funziona: nel gruppo infatti, confidano i lavoratori, non è inusuale scambiarsi regali e festeggiare insieme.

Più amici che colleghi, insomma. Per poi ovviamente ripartire alla grande dietro al bancone del bar, “tutti più uniti che mai”. Lavorando duramente, certo, ma senza mai dimenticare di ballare, almeno per un istante, al ritmo del tormentone nato in vacanza che spesso risuona al Van Gogh: “…nntanaana…nntanaana…nntanaana…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.