IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Entra nel vivo il “Salto dell’acciuga” di Laigueglia, evento che unisce le province di Savona e Cuneo

La manifestazione vede la partecipazione dell’associazione Torre dei Saraceni di Barchi, piccola frazione di Ormea 

Laigueglia. Inaugurata ieri, entra nel vivo oggi la tradizionale manifestazione del “Salto dell’acciuga” 2019 che, quest’anno, ha anche sancito il connubio tra le province di Savona e Cuneo e, più precisamente, tra Laigueglia e Ormea.

Comuni diversi per morfologia ed economia, per tradizioni, ma forse più vicini nelle origini. Infatti nel passato dei 2 borghi c’è un elemento storico comune che li contraddistingue legato alle invasioni saracene.

Una sorta di “partnership” tra due realtà, già siglata con la Pedalata Enogastronomica a settembre in cui un gruppo di appassionati ha percorso un anello di circa 150km in e-Bike partendo da Laigueglia fino alle splendide vette di Ormea e poi tornare a fare il bagno nella Baia del Sole. Il “Tour delle Torri Saracene”, così è stata definita questa avventura, ha permesso ai partecipanti di ammirare l’entroterra e nel contempo di gustare i prodotti di ogni singola realtà incontrata durante il percorso.

Lato acciuga Laigueglia

E oggi il “Salto dell’Acciuga” vede invece la partecipazione dell’associazione “Torre dei Saraceni” di Barchi, piccola frazione di Ormea incastonata sotto i costoni di roccia della Alpi Liguri, protagonista di un evento culinario, con le tipicità del basso Piemonte ed ingredienti che legano la storia dei due borghi. In particolare: Polenta Bianca o Polenta Saracena, cucinata su braceri di legna.

“Si tratta di una realtà importante della cucina ormeese, – hanno fatto sapere gli organizzatori. – Una polenta bianca a base di patate di montagna e grano saraceno condita con funghi, porri e panna: un piatto dominante della Cucina Bianca”.

“Due realtà diverse, l’Acciuga tipico pesce azzurro ligure e la Polenta Saracena tipico piatto di montagna, intimamente uniti non solo dagli storici commerci sui percorsi delle Vie del Sale ma anche dalla storia delle invasioni Saracene che hanno caratterizzato non solo la costa ligure”.

Il Bastione di Laigueglia posto a lambire il mare della Baia del sole e la Torre di Barchi a sovrastare l’Alta val Tanaro, due realtà lontane geograficamente ma unite dalla storia e dalla cultura che si rincontrano ancora una volta per uno straordinario evento enogastronomico-culturale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.