IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Ceriale, D’Acunto si dimette dal consiglio comunale: dirigerà un dipartimento alla Cattolica di Milano

Il professore universitario è stato nominato direttore del Dipartimento di Studi Medievali

Ceriale. Novità dal consiglio comunale di Ceriale. Nella seduta di venerdì sera ha comunicato le sue dimissioni Nicolangelo D’Acunto, ex candidato sindaco del centrodestra (nella foto insieme a Giovanni Toti).

“Il 10 settembre ultimo scorso – ha dichiarato il docente universitario cerialese – sono stato eletto Direttore del Dipartimento di Studi Medievali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Si tratta di un incarico di prestigio, ma che comporta un notevole aumento delle mie responsabilità e dei compiti legati alla mia professione, in quanto si aggiunge alle normali funzioni didattiche e scientifiche e si sovrappone alla direzione di un centro di ricerca internazionale che mi era già stata affidata dallo stesso ateneo milanese. Ciò considerato, per il rispetto che porto ai cittadini cerialesi, che ringrazio dell’ampio consenso accordatomi alle elezioni del 2018, mi vedo costretto a malincuore a rinunciare al seggio che occupo in questo consiglio comunale”.

Congedandosi ha quindi sottolineato che “in questo primo scorcio di consigliatura la minoranza di cui ho fatto parte insieme con Valeria Cammarata e Fabrizio Dani, che ringrazio e ai quali auguro di impegnarsi ancora con profitto, ha tenuto volutamente un atteggiamento da molti ritenuto atipico. Non abbiamo mai sollevato problemi o sferrato attacchi di natura personale. Abbiamo agito con senso di responsabilità, sempre attenti al merito delle questioni sottoposte all’attenzione del consiglio, preparandoci con uno scrupoloso studio degli atti e facendo le nostre proposte nelle sedi deputate. Devo per altro riconoscere che il sindaco e la sua maggioranza si sono sempre mostrati disponibili alla discussione e hanno accettato spesso le nostre proposte migliorative con spirito costruttivo”.

“A Ceriale – ha proseguito D’Acunto – non c’è stata l’opposizione, se per opposizione intendiamo il continuo battibecco tra i presunti ‘politici’. Abbiamo invece fatto minoranza valutando i provvedimenti che di volta in volta venivano adottati nell’esclusivo interesse dei cittadini, poiché non c’è più tempo per i teatrini dentro le istituzioni. Esse vanno rispettate e fatte funzionare, pur nel rispetto del ruolo assegnato a ciascuno dagli elettori. Non mi sono infatti riconosciuto nella maggioranza guidata dall’amico sindaco Luigi Romano, per le ovvie differenze programmatiche tra liste concorrenti”.

Ha quindi concluso con l’auspicio che il consiglio comunale “elabori proposte di alto profilo in grado di rivitalizzare la cittadina”, usando per esempio “un’area di pregio di proprietà comunale come quella delle ex Scuole elementari di via Roma, che non merita di essere saturata con l’ennesimo intervento di edilizia privata”.

Il sindaco Romano ha ringraziato il professor D’Acunto dell’impegno e della fattiva collaborazione, complimentandosi con lui per il recente successo professionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.