IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Calizzano, un crowdfunding per rilanciare il Salone Verdi

Calizzano. Una raccolta fondi con cui poter ristrutturare la struttura e ospitare di nuovo le tante realtà artistiche e culturali locali. E’ l’iniziativa lanciata dall’attore Massimo Ivaldo per dare nuova vita al Salone Verdi di Calizzano.

Salone Verdi Calizzano

“Il Salone Verdi di Calizzano vanta una lunga storia artistica e sociale – spiega – sullo schermo cinematografico sono state proiettate numerose e apprezzate pellicole che hanno coinvolto il pubblico di bambini e famiglie; sul palco del Teatro si sono alternate commedie teatrali e musicali, concerti, spettacoli di danza, allestimenti d’arti figurative e fotografiche”.

Purtroppo “da circa 4 anni la struttura è parzialmente inagibile e può ospitare esclusivamente riunioni cittadine limitate alla sola stagione estiva. Il teatro ad oggi si presenta con un palco impraticabile e una serie di carenze a livello strutturale (sipario, fondale, supporti essenziali per il riscaldamento) e fonico-illuminotecnico (casse audio, microfoni, luci palco e altro). Nell’estate 2019 si è manifestata forte l’esigenza di riavere uno spazio culturale multifunzionale a disposizione della comunità calizzanese, in primis quella scolastica, quindi delle località limitrofe e dei tanti villeggianti di Calizzano”.

“Abbiamo perciò pensato ad un crowdfunding, una raccolta fondi con cui poter ristrutturare il Salone Verdi e ospitare di nuovo le tante realtà artistiche e culturali locali, quali la storica banda di Calizzano, la compagnia teatrale ‘Ei c ô briğiù’, la Corale Alpina Montagne Verdi, il Circolo Fotografico Calizzanese. Inoltre, l’intenzione è quella di creare una rassegna teatrale chiamata ‘Verdi… speranze’: un contenitore di spettacoli di vario genere che coinvolga soprattutto giovani e bambini, assecondando i loro gusti e valorizzando le loro attitudini e capacità espressive”.

Al momento “l’entità dei lavori da effettuare e dei materiali da acquistare risulta essere cospicua: abbiamo bisogno del sostegno economico da parte di tutti. Famiglie, privati e sponsor possono partecipare attivamente alla realizzazione di questo importante progetto”.

Per partecipare è sufficiente andare sul sito produzionidalbasso.it, cercare il progetto “Anno nuovo, Teatro nuovo: ristrutturiamo insieme il Salone Verdi… Speranze!” e seguire le indicazioni. E’ possibile scegliere differenti tipi di donazione (con relativa ricompenza). Con una donazione di 20 euro si avrà diritto ad un ringraziamento sulla pagina ufficiale Facebook; con una donazione da 50 euro si potrà avere un invito per due persone allo spettacolo di inaugurazione e un ringraziamento sulla pagina ufficiale Facebook; con una donazione da 100 euro si aderirà all’iniziativa “Non fare il poltrone, comprati la poltrona!” e si avrà il proprio nome o quello della propria famiglia inciso su una delle sedute del Saloen Verdi oltre a ricevere un invito per due persone allo spettacolo di inaugurazione e un ringraziamento sulla pagina ufficiale Facebook; con una donazione da 200 a mille euro si parteciperà a “Dalla piastrella alla targa” e si vedrà il proprio nome inciso nel foyer del Teatro, oltre a ricevere un invito per due persone allo spettacolo di inaugurazione e un ringraziamento sulla pagina ufficiale Facebook.

E’ possibile donare tramite bonifico bancario, carta di credito o paypal. Per eventuali chiarimenti o donazioni in contanti è possibile contattare i numeri 347.9327288 o 348.7521493.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.