IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bocciatura del progetto Loreto ad Alassio, l’ex sindaco Canepa non ci sta: “Motivazioni evanescenti”

Il consigliere di opposizione contesta la scelta dell’amministrazione alassina di “demolire” il progetto del nuovo plesso scolastico

Alassio. Era stata un’idea della sua amministrazione e oggi Enzo Canepa, ex sindaco della città del Muretto, non ci sta a vedere cancellato con un colpo di spugna il progetto per la realizzazione del nuovo plesso scolastico in regione Loreto, ad Alassio.

Sul nostro giornale, qualche giorno fa, abbiamo riportato la notizia della “demolizione” del progetto avvenuta – tramite delibera di Giunta motivata – da parte dell’amministrazione Melgrati (attualmente guidata dal vicesindaco Angelo Galtieri, in attesa di sviluppi sulla sospensione che ha colpito alcuni mesi fa Marco Melgrati). 

Proprio sulle motivazioni indicate dalla maggioranza alassina e portate a sostegno della scelta di cancellare il “progetto Loretto”, si sofferma il consigliere di minoranza Enzo Canepa: “L’amministrazione attuale, come noto, ha cancellato il progetto del plesso scolastico di Loreto, adducendo motivazioni evanescenti (ad esempio l’eccessiva distanza dal centro), ma ricordiamo che la scuola di Loreto dista circa 400 metri da quello di via Gastaldi – spiega l’ex sindaco – faccio notare che la scuola media Loreto sarebbe costata € 3.400.000 (finanziati dal ministero), più € 900.000 la scuola materna (finanziabili sempre dal ministero), per un totale € 4.300.000, ben distanti dagli oltre 5 milioni e mezzo del progetto attuale”.

“E’ stato così affossato un progetto  – continua il capogruppo di “Semplicemente alassini” Canepa – che avrebbe lasciato spazio alla realizzazione di un polo polivalente in quella che doveva essere l’ex scuola di via Gastaldi, con spazi per tutte le associazioni di volontariato, sportive e culturali, oltre agli impianti già esistenti (campo da basket, palestra ecc), la possibilità di realizzare una sala cinema e teatro (sarebbe stato sufficiente ampliare l’aula magna), una scuola di musica, di lirica (ricordiamo che abbiamo un’eccellenza: il maestro Elena, che istruisce allievi provenienti da tutto il mondo)”.

“Tutto senza penalizzare gli studenti che avrebbero quindi potuto usufruire del plesso esistente in attesa della nuova costruzione. In questo modo Alassio ha purtroppo perso un’opportunità unica” conclude l’ex sindaco. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.