Atletica leggera: un terzetto dell'Alba Docilia ai campionati italiani Cadetti - IVG.it
A forlì

Atletica leggera: un terzetto dell’Alba Docilia ai campionati italiani Cadetti

Matilde Nani, Gabriele Rota e Giulia Rosso si sono fatti valere nelle rispettive specialità

CADETTI & CADETTE

Albisola Superiore. Sabato 5 e domenica 6 ottobre, a Forlì, in Romagna, sono andati in scena i campionati italiani individuali e per regioni Cadetti e Cadette; un weekend ricco di emozioni e soddisfazioni per l’Alba Docilia, con tre i ragazzi in gara: Gabriele Rota nel salto con l’asta, Giulia Rosso nel lancio del giavellotto e Matilde Nani negli 80 metri ad ostacoli.

Il risultato più prestigioso lo porta a casa Matilde Nani, ragazza del vivaio vadese e allenata da Stefano Freccero, che nella mattinata del sabato ha corso le batterie degli 80 ostacoli in 12″41 battendo il suo precedente record 12″61 e stabilendo anche il nuovo record sociale che già le apparteneva; questo tempo le vale la qualificazione per la finale A tra le migliori otto d’Italia.

Piazzamento confermato nel pomeriggio, nella finale: ottavo posto con il tempo di 12″49 e prima atleta del 2005 in questa specialità. Un risultato prestigioso che può solo far ben sperare per il futuro.

Nel salto con l’asta Gabriele Rota non riesce a superare il proprio record personale fermandosi a quota 3 metri, misura che gli vale il diciassettesimo posto in classifica; mentre nel lancio del giavellotto Giulia Rosso si piazza in sedicesima posizione con la misura di 31,89 metri.

La società albisolese rivolge un augurio a Giulia e Gabriele che dal prossimo anno faranno parte del Trionfo Ligure e andranno a rinforzare le rispettive squadre Allieve ed Allievi; a differenza di Matilde che, ancora per un anno, difenderà i colori dell’Atletica Alba Docilia a livello regionale e nazionale.

Nella foto sopra: Matilde Nani in gara nella finale

Gabriele Rota, Giulia Rosso, Matilde Nani

Matilde Nani in gara nella finale

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.