IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tpl, rinviato al 7 ottobre lo sciopero del trasporto pubblico locale: il faccia a faccia tra azienda e sindacati

Il mantenimento dell'attuale organico uno degli obiettivi del nuovo piano industriale

Savona. Apertura dell’azienda rispetto alle richieste sindacali sollevate da tempo, così Rsu e sindacati hanno deciso di differire lo sciopero di 4 ore del trasporto pubblico locale proclamato per il 9 settembre prossimo, differito alla data del 7 ottobre in attesa dei riscontri in merito alle problematiche evidenziate nella protesta di Rsu e lavoratori.

E’ quanto emerso nel faccia a faccia che si è svolto questa mattina tra il presidente di Tpl Linea Simona Sacone, Rsu aziendale e sindacati di categoria.

L’azienda di trasporto savonese ha ricordato che in data 10 settembre si terrà l’assemblea dei soci per discutere in merito all’affidamento in house del servizio e che tale affidamento prevede alcuni importanti vincoli sull’attività futura di Tpl Linea. L’azienda ha inoltre comunicato l’intenzione di predisporre un piano industriale in cui il mantenimento dell’attuale organico sia uno dei principali obiettivi.

Dopo un ampio dibattito, Tpl Linea si è impegnata a dare seguito ad alcune azioni di intervento sulle problematiche aziendali sollevate: da qui la decisione di Rsu e sindacati di differire la data dello sciopero al 7 ottobre prossimo.

E’ programmato un nuovo incontro il prossimo 24 settembre per una nuova analisi della situazione, con al centro il piano industriale ed economico-finanziario risultante dall’affidamento in house del servizio.

I nodi al centro della vertenza: assunzione di operatori e meccanici in numero congruo per far fronte alle gravi carenze di personale, un piano di interventi sulla sicurezza del personale (maggiore vigilanza) e sulla manutenzione dei mezzi, oltre ad un confronto sui lavoratori interinali, con lo sblocco del turn over sugli operatori di esercizio fino all’aggiudicazione dell’affidamento in house e abilitazione di nuovi verificatori per intensificare la lotta all’evasione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.