IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Situazione difficile dei distaccamenti dei vigili del fuoco, la denuncia del sindacato foto

Stato di abbandono e degrado: "Serve una svolta per rendere il servizio di soccorso davvero professionale ed efficiente"

Savona. “Sono gravi le carenze organiche in tutti i settori, operativi ed amministrativi per quanto riguarda il personale ed ancora peggio vanno il settore automezzi nonché lo stato di abbandono e di degrado delle sedi distaccate di Savona”. Così il sindacato Usb torna a denunciare le criticità infrastrututrali dei distaccamenti provinciali.

“Il carico di lavoro sempre crescente nonché le pratiche border-line messe in atto dalla nostra amministrazione ledono la dignità dei lavoratori e quindi inficiano negativamente il servizio reso, tamponato con grande fatica dalla volontà della base, di prestare aiuto ai propri cittadini, in un percorso di assoluto parallelismo con i vertici dell’amministrazione”.

“I vigili del fuoco non riescono più ad effettuare i corsi basilari di aggiornamenti per problemi di varia natura, (non ultimo perché continuano a chiederci di lavorare gratis ed in assenza di tutele) e la nostra amministrazione pensa di tamponare le gravi carenze organiche richiamando in servizio dei vigili del fuoco precari e con una formazione ancor più inferiore a quella dei vigili permanenti. A ciò si aggiunge il fatto che mentre in passato venivano richiamati per periodi di 20gg continuativi, oggi vengono richiamati a giornata, ed a volte addirittura ad ore” aggiunge ancora il sindacato di base.

“Come organizzazione sindacale denunciamo con forza tale situazione. Recentemente al Dipartimento dei Vigili del Fuoco è stato imposto dal tribunale Europeo di risolvere la questione dei precari, poiché si è per troppo tempo abusato di tali figure cavalcando lo spirito di abnegazione di chi indossa la nostra nobile divisa”.

“Il Comando di Savona sembra non aver recepito tale questione ed incurante di calpestare la dignità di chi ambisce a svolgere il difficile lavoro del vigile del fuoco. Il soccorso non può e non deve essere volontariato. Il soccorso deve essere fatto da professionisti. Un servizio efficiente prevede il rapporto numero 1 vigile ogni 1000 abitanti, mentre in Liguria il rapporto è di 1 ogni 15.000. Se a volte tardiamo ad arrivare, sappiate non dipende da noi, ma di chi pensa di gestirci, probabilmente senza una visione di insieme ed alla quale chiediamo che si mettano in discussione, perché garantire a voi cittadini il soccorso e la sicurezza è il nostro unico obiettivo” conclude il sindacato Usb.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.