IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Scopero appalti ferroviari, rabbia dei sindacati: “Si gioca sulla pelle dei lavoratori”

La denuncia su una situazione che mette a rischio la pulizia e la manutenzione del settore

E’ in corso in Liguria lo sciopero regionale degli addetti degli appalti ferroviari. Si tratta di lavoratori che si occupano della pulizia dei treni e delle stazioni, della ristorazione a bordo treno, del servizio di assistenza ai disabili e della piccola manutenzione nelle officine. In Liguria sono circa 450 addetti, divisi in dieci aziende che lavorano tutte per conto di società del Gruppo FS. Da anni il settore è interessato da crisi determinate dalle aggiudicazioni con ribassi d’asta eccessivi che ricadono sugli addetti e sulla qualità del servizio.

Oggi i lavoratori scioperano perché Trenitalia ha indetto alcune gare di appalto senza garantire l’applicazione del contratto di settore, rischiando di determinare una riduzione pesante degli stipendi a causa degli eccessivi ribassi d’asta applicati dagli appaltatori. Inoltre, 9 ragazzi assunti a tempo determinato a Savona per pulire i treni del trasporto regionale non hanno garanzie di conferma a fine settembre, nonostante la presenza di attività sufficienti alla loro stabilizzazione. I dipendenti di Manital, che puliscono le stazioni per conto di RFI, tutti i mesi vedono ritardi negli stipendi, ma la committenza non procede alla sostituzione dell’appaltatore.

Le organizzazioni sindacali hanno chiesto a FS di accorpare i lotti della regione per ottenere risparmi attraverso economie di scala, ma il Gruppo FS continua a frammentare il settore, aumentando i costi di gestione, impedendo le ricollocazioni sul territorio in caso di esuberi.

“Non si riesce ad avere certezza dell’applicazione delle tabelle di costo orario sottoscritte dal sindacato nelle valutazioni di congruità delle offerte, con il rischio che le gare vengano aggiudicate con ribassi eccessivi, seguiti a ruota dall’inevitabile dichiarazione di esuberi (di tipo esclusivamente economico)” affermano Filt Cgil Fit Cisl Uil trasporti Ugl Fast Orsa Liguria.

“Per questi motivi oggi, 20 settembre, è stato proclamato sciopero in attesa di segnali concreti da parte del Gruppo FS per una soluzione che dia stabilità al settore, garanzie di reddito a lavoratrici e lavoratori e treni e stazioni pulite ai viaggiatori”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.