IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, prevenzione rischi alluvionali: al via i lavori di pulizia di fiumi e corsi d’acqua

L'assessore Santi: "Mettere in sicurezza innanzitutto il torrente Letimbro"

Savona. Alla vigilia del periodo autunnale iniziano i lavori di messa in sicurezza dei corsi d’acqua savonesi, per prevenire il rischio di alluvioni. L’assessore comunale Pietro Santi afferma: “Come oggi anno intendiamo mettere in sicurezza innanzitutto il torrente Letimbro che è il corso d’acqua maggiore della città di Savona: interverremo con una pulizia radicale dal ponte bianco del quartiere di Lavagnola fino alla foce”.

pulizia fiumi savona

“Il progetto interesserà anche altri rii quali ad esempio il torrente Lavanestro, il rio Quattro Stagioni, il rio Molinero e altri corsi d’acqua”.

I lavori di pulizia, personalizzati in base alle peculiarità di ogni fiume, includono rasatura completa di alcune zone, il taglio di tronchi e canneti, ma anche l’eliminazione dei detriti adagiati sul letto dei vari corsi d’acqua (in collaborazione con Ata).

Alcune operazioni di pulizia sono cominciate nella giornata di oggi, per poi proseguire entro il mese di ottobre.

Il rio Quattro Stagioni, il rio Molinero, il rio Bricco, il rio San Cristoforo e il rio Galletto sono i corsi d’acqua interessati dalla pulizia odierna.

Lunedì 16 settembre si inizierà con il Letimbro, con una rasatura totale della vegetazione dal ponte bianco di Lavagnola fino alla foce del Letimbro, tratto quest’ultimo molto delicato in ambito idro-geologico.

A livello economico, le operazioni di messa in sicurezza dei fiumi savonesi costeranno 30 mila euro, fondi propri dell’amministrazione comunale, più 30 mila euro concessi dalla Regione Liguria, con la collaborazione di Ata.

Gli interventi totali sono 13 e riguardano anche il torrente Quiliano, che sarà pulito lungo il tratto savonese che va dal cimitero di Savona al ponte romano, foce del fiume.

Per quanto riguarda invece il fiume in località Santuario, fortemente provato dall’accumulo di vegetazione e detriti, il Comune di Savona ha chiesto alla Provincia di intervenire in quanto di loro proprietà.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.