IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Carcare, i sapori della tradizione sono gli ingredienti del successo dell’Antica Fiera del Bestiame

Latte e carne di bovino di razza piemontese protagonisti anche dei laboratori e dei cooking show

Carcare. Due giorni all’insegna del gusto, della genuinità, del territorio e dell’incontro con i produttori: questo il filo conduttore dei laboratori appena conclusi all’Antica Fiera del Bestiame di Carcare, organizzata dal Comune di Carcare in quello che è stato ribattezzato “Largo dei Golosi”.

Sotto la regia dell’Associazione Mercati della Terra di Cairo Montenotte e di Slow Food e grazie alla fondamentale collaborazione con l’Unione Regionale Cuochi Liguri della Federazione Italiana Cuochi, il giornalista enogastronomico Andrea Carpi ha accompagnato i visitatori in un viaggio tra i prodotti e la cucina del territorio. Protagonisti dei laboratori innanzitutto la carne di bovino piemontese (vera regina della Fiera), ma anche il pesto realizzato al mortaio dal maestro Flavio Corazza per grandi e piccini e, grazie all’aiuto della CIA – Confederazione Italiana Agricoltori, il lavoro dei produttori: il primo sale e la ricotta di pecora preparati in diretta dalle Langhette di Saliceto e il ketchup gourmet e le salse di pomodoro del team dell’azienda Sant’Anna di Cairo Montenotte.

Ospite d’eccezione la chef Gabriella Caratti di Associazione Cuochi Savona che, dopo aver presentato anche il progetto di valorizzazione “Agrichef” promosso da Coldiretti, ha curato i due cooking show della domenica: il primo dedicato ai prodotti della Valbormida e in particolare al tartufo (presentato da Maurizio Bazzano dell’Associazione Tartufai e Tartuficoltori Liguri) abbinati al pesto di Flavio Corazza e alla carne di bovino di razza Piemontese fornita dalla Cooperativa Allevatori Bestiame; il secondo in coppia con il vignaiolo Fausto De Andreis delle “Rocche del Gatto” di Albenga per i “Curiosi abbinamenti: vini e bovini lungo la via del Sale” nel quale i bianchi della Riviera Ligure di Ponente hanno sposato il bovino piemontese.

Un ottimo lavoro di squadra che ha coinvolto e incuriosito il pubblico presente, con il pensiero già rivolto all’edizione 2020 e un caloroso ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito alla riuscita dell’edizione 2019.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.