IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Savona, estensione dell’acquedotto in località Montemoro – Cadibona: via libera ai lavori

L'assessore Santi: "Risolveremo una criticità che dura da anni"

Più informazioni su

Savona. Via libera dalla giunta comunale di Savona, con apposita delibera, ai lavori per l’estensione della rete dell’acquedotto civico in località Montemoro – Cadibona. L’ok è arrivato dopo una serie di incontri avuti in questi mesi tra Reti Liguria Ponente e il Comune savonese.

L’opera prevista consiste nella estensione dell’attuale rete del civico acquedotto, partendo dall’attuale serbatoio denominato “Montemoro”, in prossimità della linea ferroviaria, lungo via Vecchie Fornaci, proseguendo lungo la strada vicinale Ciatti-Cadibona fino al serbatoio “Bricco Chiesa” posto alla sommità della collina sovrastante la chiesa parrocchiale di Cadibona.

La lunghezza di progetto dell’intero tratto è di circa 3.870 m, oltre all’installazione di un impianto di rilancio previsto nella cabina di manovre del predetto serbatoio. La nuova tubazione è prevista in ghisa sferoidale DN 100 mm le sue tipologie meccaniche ed idrauliche, oltre a rappresentare uno dei migliori materiali presenti sul mercato, risultano perfettamente idonee alle pressioni di esercizio del tratto; l’intervento consentirà di alimentare una trentina di unità immobiliari, ubicate lungo il tracciato, attualmente non usufruiscono del servizio di civico acquedotto.

“Come concordato negli incontri congiunti richiediamo di predisporre tutti gli atti necessari per comunicare, ai proprietari dei terreni confinanti con il tracciato di progetto, l’esecuzione dell’intervento con conseguente installazione di una nuova rete acquedottistica sui vari tratti delle strade vicinali predette” afferma Angelo Astigiano di Reti Liguria Ponente.

Per l’assessore comunale Pietro Santi: “Finalmente siamo pronti a risolvere un problema che andava avanti da tempo, infatti durante l’estate, nei periodi di maggiore siccità, i cittadini erano costretti ad utilizzare le autobotti per l’approvigionamento idrico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.